Per capire al meglio cosa sono gli indicatori di volume è necessario prima di tutto capire cos’è il volume.

Cosa si intende per volume?

Qualsiasi investitore che opera nei mercati finanziari deve avere la conoscenza piena di alcune parole “chiave”; il volume è proprio una di queste.

Che si tratti di azioni, derivati ​​o valute, il volume risulta essere un indicatore estremamente importante. Quindi cerchiamo di capire un po’ meglio qual è il suo valore per capire se e come è possibile utilizzarlo al fine di ottenere il massimo ritorno sull’investimento.

Indicatori di volumeOgni giorno un gran numero di transazioni vengono eseguite sui mercati. Quando su un particolare “asset” vengono eseguiti un gran numero di scambi, con conseguenti movimentazioni di grandi quantità di tale “titolo”, la determinazione dei prezzi è percepita come un dato accurato ed estremamente affidabile.

Al contrario, quando solo poche operazioni sono eseguite, la determinazione del prezzo avviene attraverso un campione meno significativo di persone, quindi, il prezzo dato è percepito come meno accurato.

Possiamo dire in poche parole che il volume misura la dignità di mercato di un determinato trade

Un improvviso picco in volumi entro un breve lasso di tempo può segnalare un’impennata improvvisa dei prezzi basata magari su alcune notizie di carattere economico/finanziario e relativo sviluppo.

Domanda: l’interpretazione del volume è sempre lo stessa anche quando si opera in differenti mercati?

Bene, questo punto è importante da comprendere. Mentre nel mercato azionario si riesce a tenere traccia dei volumi delle azioni scambiate, nel forex è impossibile, di contro, tenere traccia di tutti i contratti scambiati in giro per il mondo.

L’opzione più semplice in questo caso, è quella di derivare il volume attraverso il numero di tick  (variazione dei prezzi) durante il corso della sessione di un particolare giorno. Un minimo numero di contratti devono essere firmati perché ci sia un movimento nel prezzo, di conseguenza, ogni tick di una coppia di valute rappresenta questo importo o volume. Si deduce facilmente che il volume gioca un ruolo chiave.

Il volume agisce come prova a supporto di un cambiamento di tendenza o di direzione specifica nei mercati.

Il volume in generale ha il “compito” di essere di supporto nel momento in cui si cerca di anticipare il mercato andando ad intercettare le variazioni di prezzo.  Variazioni repentine nei volumi stanno infatti ad indicare un cambiamento nel sentimento degli operatori verso quel preciso asset o un imminente evento politico/finanziario previsto od imprevisto.

In generale possiamo sempre considerare che:

  • Maggiori volumi durante un trend rialzista confermano tale posizione del mercato;
  • Maggiori volumi durante un trend al ribasso confermano il movimento ribassista del mercato stesso;
  • Bassi volumi nel corso di una ripresa dei prezzi indicano una debole tendenza rialzista.

Nelle sezioni seguenti saranno descritti in dettaglio i più comuni indicatori di volume:

Vai alla sezione successiva >>