Apple e Goldman Sachs insieme per una nuova carta di credito

Apple e Goldman Sachs insieme per una nuova carta di credito

Apple continua nella sua crescita esponenziale e progetta grandi cose per il futuro, tra cui una nuova carta di credito insieme a Goldman Sachs. Queste le notizie principali che ci giungono dall’azienda di Cupertino, leader ormai da anni nel settore tecnologico e diventata mito grazie ad uno dei suoi fondatori, Steve Jobs. Pochi giorni fa è stato reso pubblico il risultato economico e finanziario del secondo trimestre del 2018. Oltre ai dati sempre in costante crescita, sono le prospettive future quelle che stuzzicano l’appetito degli operatori finanziari. Ma andiamo con ordine.

La crescita di Apple

Apple & Goldman SachsAnalizziamo alcuni dati che  ben fotografano la decisa e inarrestabile crescita che continua a contraddistinguere i risultati economici di Apple: nel secondo trimestre 2018 l’azienda ha fatto registrare un fatturato di oltre 61 miliardi di dollari con un incremento del 16% rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, mentre l’utile trimestrale per azione diluita è di 2,73 dollari, in crescita del 30%. Oltre il 65% delle vendite riguarda il mercato internazionale a dimostrazione di come il marchio Apple sia ancora determinante nel condizionare le scelte degli acquirenti.

In questo quadro si inserisce anche l’operazione di riacquisto delle proprie azioni che la governance di Apple sta portando avanti ormai dal 2012. Il consiglio di amministrazione infatti ha approvato per il terzo trimestre 2018 un riacquisto di proprie azioni sul mercato di circa 210 miliardi di dollari. Con l’aumento di capitale approvato l’azienda ha dichiarato un dividendo per azione di 0,73 dollari per ogni ordinaria, pagabile al 17 maggio per tutti gli azionisti registrati al 14 maggio, termine previsto per la chiusura delle attività. Apple dal 2012 ha restituito ai propri azionisti 275 miliardi di dollari di cui circa 200 derivanti dal riacquisto di proprie azioni.

Leggi anche: Apple, primo trimestre da record

L’innovazione è sempre presente nella strategia di Apple

Apple & Goldman SachsAll’interno di questa situazione economica decisamente rosea si inseriscono le politiche di innovazione sia tecnologica che di allargamento dei servizi offerti ai propri utenti che Apple porta avanti. Naturalmente l’azienda di Cupertino ha come “mission” storica, oltre la naturale e fondamentale produzione di utili e profitti, quella di provare a rendere “il mondo un posto migliore”, come più volte dichiarato dal guru Jobs.

Innanzitutto un po’ di storia: Apple rivoluzionò il mondo dei computer nel 1984 con il lancio di Macintosh ed oggi è la punta di diamante del mondo tecnologico grazie ad oggetti entrati nella quotidianità di milioni di persone come IPhone, Ipad, Mac, Apple Watch ed Apple Tv. Tutti i dispositivi Apple formano una sorta di ecosistema integrato grazie alle quattro piattaforme software che sorreggono l’intero sistema (iOS, macOS, watchOS E tvOS). Queste permettono di usare servizi incredibili come App Store, Apple Music, Apple Pay e ICloud nel modo più semplice possibile. Tutto questo è Apple: 100.000 persone che ogni giorno realizzano i migliori prodotti al mondo nel campo tecnologico.

Come detto Apple continua però ad essere un progetto in continua evoluzione come dimostrano anche alcune novità e alcuni progetti che il gruppo guidato da Tim Cook sta portando avanti in questo 2018, come ad esempio una nuova versione dell’IPad più economica e rivolta ai ragazzini che ancora sono in età scolastica grazie all’inserimento nel software di Schoolwork e Classroom. Questi due nuovi software permettono di creare compiti, analizzare i progressi effettuati dagli studenti durante le lezioni e di sfruttare la potenza delle App durante le lezioni. Classwork è uno strumento anche molto utile per gli insegnanti visto che permette loro di poter interagire contemporaneamente con tutti gli studenti, inviare e ricevere temi e compiti e visualizzare gli schermi stessi degli studenti per verificare gli sviluppi e seguire le loro attività.

Leggi anche: Siete convinti che i soldi facciano la felicità? Leggete questa analisi e scoprirete che…

Apple: una nuova carta di credito insieme a Goldman Sachs

Apple: una nuova carta di credito insieme a Goldman SachsMa Apple si sta spingendo oltre, provando ad entrare in ambiti operativi sinora inesplorati. E’ di pochi giorni fa infatti la notizia di una sinergia tra Apple e Goldman Sachs per lanciare insieme una nuova carta di credito. Un’operazione che consentirebbe all’azienda “della Mela” di essere ancora più presente nelle tasche dei propri affezionati clienti e alla banca statunitense di allargare la propria influenza in un settore sinora non battuto. Secondo il Wall Street Journal, la carta di credito dovrebbe avere il marchio Apple Pay e potrebbe essere lanciata non più tardi del 2019. Sempre secondo il Wall Street Journal questa carta di credito consentirebbe sia ad Apple che a Goldman Sachs di essere più forti nelle loro attività core. Infatti Apple con il rallentamento delle vendite di Iphone, sta dirottando i propri investimenti nel settore dei pagamenti on line, della musica in streaming e nell’Apple Store. Goldman Sachs sta invece dirottando le proprie risorse sulle attività bancarie di consumo rispetto a quelle di trading visto che con la crisi finanziaria ha visto ridurre queste ultime di circa i due terzi. Marcus, la divisione che riguarda le attività digitali di Goldman Sachs lanciata circa un anno e mezzo fa e che prende il nome dal fondatore dell’istituto, vanta circa 20 miliardi di depositi e oltre 3 miliardi di prestiti non garantiti emessi.

Sempre secondo il Wall Street Journal la collaborazione potrebbe andare oltre la carta di credito, ad esempio con Goldman Sachs che potrebbe concedere prestiti agevolati negli Apple Store a chiunque voglia acquistare un IPhone e un Ipad. In quest’ottica Apple sta abbandonando la partnership con Barclays con cui aveva lanciato una carta prepagata che ha riscosso un modesto successo che consentiva di avere finanziamenti a tasso zero sull’acquisto dei prodotti marchiati con la “mela”.

Apple corre quindi verso il futuro; riusciranno Samsung, Huawei e Xiaomi a tenere il passo di questa macchina da guerra che sembra non conoscere passi falsi? Noi restiamo a guardare il futuro che avanza.

Trading online sui titoli Apple e Goldman Sachs: ecco i migliori broker online

 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com8.6RecensioneRichiedi
AvatradeAvatrade8RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7.8RecensioneRichiedi
24option24option7.7RecensioneRichiedi
24CM24CM7.5RecensioneRichiedi
Grand Fx ProGrand Fx Pro7.4RecensioneRichiedi
LibertexLibertex7.3RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital7.1RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6RecensioneRichiedi
AlvexoAlvexo5.9RecensioneRichiedi
City IndexCity Index5.9RecensioneRichiedi
Forex.comForex.com5.9RecensioneRichiedi
Plus500Plus5005.9RecensioneRichiedi
eToroeToro5.9RecensioneRichiedi
UFXUFX5.9RecensioneRichiedi