Bitcoin (BTC): un nuovo inizio o la fine?

Bitcoin (BTC) tocca i 3.255 dollari. Dove sta la fine del tunnel?

Tutti gli esperti del settore sono in attesa dell’attesissimo rally di Babbo Natale per il Bitcoin (BTC) e per tutto il comparto delle criptovalute. Sono giorni che dopo la caduta Il Bitcoin (BTC) , che ha raggiunto un minimo di 3782 dollari il 25 novembre scorso, si sta muovendo sulla soglia dei 4.000 dollari. Una discesa incredibile partendo dai 9.836 dollari del 5 maggio per arrivare ai 8.388 dollari del 24 luglio, ai 7.374 dollari del 4 settembre, ai 6.698 dollari del 16 ottobre fino ai 4.586 del 21 novembre. Un declino inarrestabile o una occasione di investimento unica?

Bitcoin (BTC): la caduta da maggio ad oggi
Bitcoin (BTC): la caduta da maggio ad oggi

Osservando anche il prezzo raggiunto dalla terza criptovaluta per capitalizzazione di mercato, l’Ethereum (ETH), si potrebbe veramente pensare che i giorni di gloria delle criptovalute ormai siano spariti. Attualmente Il prezzo di Ethereum (ETH) ha raggiunto i 110 dollari, un calo di oltre il 90% dal suo picco di tutti i tempi.

Lo stato di salute della blockchain, la tecnologia cuore del Bitcoin (BTC)

Ricordando brevemente che il Bitcoin (BTC) e le altre criptovalute esistono grazie alla tecnologia che sta alla base, ovvero la blockchain, che consiste in un registro pubblico che automaticamente (e in modo sicuro) verifica e registra un elevato volume di transazioni in digitale. Di recente gli esperti del settore si stanno suddividendo in due opposte fazioni in merito al futuro della blockchain. C’è una prima fazione che non crede più ai casi di utilizzo della tecnologia blockchain al di fuori del Bitcoin (BTC) o delle altre criptovalute mentre ne esiste un’altra diametralmente opposta che ritiene che la stessa tecnologia sia matura per essere utilizzata in diversi casi della vita pratica.

Bitcoin (BTC): La blockchain
Bitcoin (BTC): La blockchain

I diversi casi d’uso oltre al Bitcoin (BTC)

La tecnologia del libro mastro distribuito, la blockchain, è il vero cavallo di razza. E’ quest’ultima che ha il potenziale per cambiare le nostre vite e la dimostrazione è nelle tantissime applicazioni pratiche a cui essa si potrebbe rivolgere.

Non è un caso, infatti, che molti governi sparsi per il mondo stanno sperimentando l’utilizzo di questa tecnologia in diversi ambiti. E’ il caso della Georgia, ad esempio, dove il registro fondiario viene realizzato utilizzando questa tecnologia. Ciò ha ridotto non solo il tempo necessario per registrare una proprietà, ma anche i costi non necessari. Anche nei modernissimi Paesi Bassi è stato deciso di utilizzare la blockchain per l’amministrazione centralizzata nei porti. Ma tra i tantissimi casi d’uso potremmo anche citare:

  • Banche e finanza: Le banche e le istituzioni finanziarie sono fondamentalmente i depositi e i centri sicuri per il trasferimento di valuta. La blockchain, il registro digitalizzato, sicuro e a prova di manomissione, può assicurare lo stesso compito. Famosi brand come la svizzera UBS e la britannica Barclays la stanno già sperimentando per accelerare le funzioni di backoffice e di gestione.
  •  Trasferimenti di denaro: La blockchain può superare gli attuali sistemi di collegamento (molto lenti e con problemi di sicurezza) e creare un flusso di pagamento più diretto tra coloro che vogliono scambiare denaro a prescindere dalla distanza e dal numero di confini nazionali da oltrepassare. Il tutto senza intermediari, a tariffe ultra-economiche e a velocità quasi istantanea.
  • Cybersecurity: Un registro blockchain anche se pubblico è protetto dalle più moderne tecniche di crittografia. I dati sono trasmessi in maniera sicura, facile e veloce e l’adozione del registro digitalizzato comporterebbe una maggior protezione dagli attacchi da parte degli hacker informatici.
  • Scuola e Università: la tecnologia blockchain per autenticare i titoli e i certificati accademici annullando le possibilità di frodi
  • Voto elettorale: Le elezioni richiedono l’identificazione degli elettori, la conservazione in sicurezza dei registri (utile per tenere traccia dei voti), l’attività di spoglio e quella di conteggio necessarie a determinare il vincitore. La blockchain è lo strumento adatto a tutte queste attività capace di annullare qualsiasi tentativo di frode elettorale o le casistiche di perdita dei dati e/o dei voti.
  • Leasing e compravendita: La tecnologia dei registri distribuiti per semplificare, velocizzare e rendere sicuri tutti i registri degli affittuari e delle compravendite di quasiasi bene (auto, moto o case)

E non finisce qui. Potremmo citare tantissimi casi dove la blockchain si rivelerebbe una scelta di successo rendendo l’attività più semplice, più globale, più veloce (istantanea) e più sicura.

Se la blockchain è sinonimo di successo ovunque applicata nelle attività reali come è pensabile ritenere che il Bitcoin (BTC) e tutte le criptovalute, nate sulle fondamenta di questa tecnologia, possano trasformarsi in una bolla economica?

Bitcoin (BTC), dove stiamo arrivando?

Ora proviamo a dare una risposta alla domanda che ci siamo posti inizialmente: Dove sta arrivando il Bitcoin (BTC)?

Neanche il più esperto dei conoscitori del mondo economico potrebbe dare una risposta certa ma alcune considerazioni possono essere utili per fare in modo che ognuno di noi si costruisca una propria “idea”.

Il Bitcoin (BTC) si fonda su una tecnologia solida e di successo, la blockchain, e nacque come risposta alla grave crisi economica provocata dai grandi poteri economici e finanziari del tempo. L’apice di questa crisi fu la notte del 15 settembre 2008 quando fallì Lehman Brothers, la quarta banca d’affari degli Stati Uniti d’America. In molti avevano avvertito che i prezzi delle case non potevano continuare a crescere a lungo e che il sistema del rifinanziamento dei mutui subprime, basato appunto sulla crescita dei prezzi delle case, a un certo punto avrebbe raggiunto un limite invalicabile. Ma i vertici di Lehman Brothers continuarono a gonfiare la bolla fino alla sua totale esplosione che rivoluzionò l’economia mondiale.

Bitcoin (BTC): la caduta
Bitcoin (BTC): la caduta

Il Bitcoin (BTC) nacque in questo contesto di grande accusa per i sistemi finanziari che per la loro avidità impoverirono molte famiglie della classe media. L’imperatore delle criptovalute seppur mosso da nobili motivazioni ha scelto sempre di rimanere in una terra di mezzo, poco regolamentato e lasciando che il suo utilizzo fosse sempre coperto dall’anonimato.

Tra i critici anche i miliardari Warren Buffett e Bill Gates, il direttore del FMI Christine Lagarde e il premio Nobel e docente della Columbia University Joseph Stiglitz il quale sostanzialmente ha sottolineato come l’anonimato del Bitcoin (BTC) abbia aperto la porta a varie organizzazioni criminali. “Non si dovrebbe puntare su un sistema di pagamento basato sulla segretezza mentre si cerca di creare un sistema bancario trasparente”, disse Stiglitz.

Il Bitcoin (BTC) e il comparto delle criptovalute restano ancora la “tecnologia” del futuro ed hanno grandi possibilità di tornare a crescere nel loro valore già nei prossimi mesi ma per cambiare completamente rotta è necessario definire delle regole che permetteranno di controllare meglio chi sta dietro i trasferimento di criptovalute.

Noi di MrBanca ti consigliamo di continuare ad investire in Bitcoin (BTC) e, in generale, nel comparto delle criptovalute anche utilizzando uno dei migliori broker online mondiali: Markets.com.

Investire in Bitcoin (BTC) su Markets.com

Scopri come è semplice, veloce e sicuro investire in Bitcoin (BTC) su Markets.com, il broker consigliato da Mr Banca.

  • Semplice in quanto potrai operare con una piattaforma dalla esperienza utente incredibile e adatta a tutti i profili di investitori online indipendentemente dall’esperienza nel trading online;
  • Veloce perché basteranno pochi click per poter aprire il tuo conto con Markets.com ed essere pronto per i tuoi investimenti;
  • Sicuro perchè Markets.com è un broker che segue la regolamentazione cipriota CySec (Cyprus Securities and Exchange Commission) e vanta la licenza da parte del FSB (Financial Service Board).

Markets.com si contraddistingue per:

  • Zero Commissioni di Trading e nessun canone mensile;
  • Trading aperto anche il sabato e la domenica (in parte);
  • duemila asset negoziabili tra cui le principali criptovalute;
  • Conto demo gratuito di 10 mila euro (o dollari);
  • Supporto clienti interno alla piattaforma (livechat);
  • Piattaforma personalizzabile secondo le proprie esigenze di trading;
  • App per investire anche in mobilità su smartphone;
  • Spread ridotti e trading con leva personalizzabile;
  • Strumenti di trading avanzati;
  • Leva finanziaria disponibile fino a 300:1.

Come di consueto noi di Mr Banca ci teniamo a ricordare ai nostri lettori che la leva finanziaria è una arma a doppio taglio: se deciderai di investire in Bitcoin (BTC), ti consentirà di incrementare i tuoi guadagni ma, parallelamente, rischierai di perdere il capitale investito. Investi con la massima attenzione!

Ecco i semplici passi da seguire per aprire il tuo conto con Markets.com e iniziare subito a investire in Bitcoin (BTC).

Passo 1 di 4: Registra il tuo conto

Crea rapidamente il tuo conto con Markets.com inserendo email e password che diventeranno le tue credenziali di accesso al pannello online.

Crea conto Markets
“Crea il tuo conto Markets.com

Passo 2 di 4: Completa la registrazione del tuo conto

Per investire in Bitcoin (BTC), a questo punto ti verrà richiesto di completare la tua registrazione Markets.com facendo alcune semplici operazioni:

  • Inserimento dei propri dati anagrafici e di residenza;
  • Inserimento di altre informazioni (es: esperienze pregresse di trading e conoscenze finanziarie) richieste in ambito regolamentazione per la tua tutela;
  • Impostazione del livello della leva finanziaria;
  • Verifica del numero di cellulare inserito tramite l’invio di un codice sul proprio smartphone da reinserire nell’apposito campo che sarà presentato sulla piattaforma;
  • Verifica della propria identità tramite:
    • caricamento di un documento di identita’ valido;
    • caricamento di una prova di residenza (una bolletta elettricità, acqua, gas, Internet, Telefono fisso o Servizio TV oppure un estratto conto bancario riportante nome e indirizzo ed emessi da non più di 6 mesi);
Completa registrazione Markets
“Completa la tua registrazione Markets.com

Passo 3 di 4: Deposita sul tuo Conto

La verifica dei documenti caricati online al passo precedente potrà richiedere al massimo 24 ore. Parallelamente potrai effettuare il deposito sul tuo conto Markets.com utilizzando una delle modalità di pagamento proposte: Carta di Credito (Visa, Mastercard o American Express), Paypal, Bonifico Bancario, Neteller o Skrill.

Il deposito minimo richiesto è di 100€ e sei pronto a investire in Bitcoin (BTC)!

Deposita Markets
“Deposita fondi sul tuo conto Markets.com

Passo 4 di 4: Inizia a comprare Bitcoin (BTC)

Scegli il prodotto Bitcoin (BTC) utilizzando la funzionalità di ricerca posta in alto a sinistra. Seleziona compra o vendi per iniziare a investire in Bitcoin (BTC) e imposta i consueti parametri (ammontare dell’investimento, il take profit e lo stop loss).

Investi Markets
“Investi con Markets.com
Markets.com

TRADING TOOLS +
CONTO PRATICA GRATUITO

Voto: 8.6/10
INFORMATIRICHIEDI
 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com8.6RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital7.8RecensioneRichiedi
24option24option7.7RecensioneRichiedi
24CM24CM7.5RecensioneRichiedi
Grand Fx ProGrand Fx Pro7.4RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7.4RecensioneRichiedi
LibertexLibertex7.3RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6RecensioneRichiedi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*