Come verificare i dati finanziari personali: tu chiedi e Mr Banca risponde

Centrale Rischi Banca d'Italia e CRIF

Banca

Dati finanziari personali in mano alle banche: domande e risposte…

“Ciao! Stiamo chiedendo la delibera di mutuo, presso la ns. banca (Unicredit). La pratica è per ora ferma perché a nome di mio marito risulterebbe un incaglio. Il direttore sta facendo le verifiche con gli uffici preposti, dicendo che è un po’ difficile, perché si tratta di parecchio tempo fa. Sinceramente noi non ricordiamo cosa possa essere (forse un vecchio conto corrente, chiuso male e rimasto scoperto?). Abbiamo anche noi un modo per risalire a questa informazione?
Grazie e buon lavoro.”

Mr Banca risponde

BancaCari amici di Mr Banca, molti di voi si saranno trovati nella spiacevole situazione di essere per cosi dire “bloccati” durante la pratica di richiesta mutuo o altri strumenti da istituti finanziari o banche, solo perche questi enti devono effettuare verifiche sulla vostra situazione economica.

Gli istituti bancari, quando si tratta di erogare mutui o concedere altre forme di prodotti finanziari, avviano verifiche interne poco trasparenti al cliente finale, che potrebbero far perdere molto tempo.

Mr Banca vuole illustrarvi alcuni strumenti a vostra disposizione che possono fornirvi informazioni sulla vostra posizione finanziaria e portare chiarezza sulla stessa verifica che gli enti finanziari hanno avviato nei vostri confronti.

Sappiamo bene che tali verifiche possono variare da istituto ad istituto ed anche da caso a caso e che possono prendere svariato tempo. 

Soprattutto se non vi ricordate di particolari situazioni finanziarie pregresse e avete dubbi che qualche situazione, anche di poco conto, possa bloccare una concessione da parte di banche o enti finanziari nei vostri confronti, Mr Banca vuole darvi alcuni consigli.

Ricorda che è un tuo diritto sapere la situazione che riguarda la tua posizione finanziaria

Fatevi spiegare bene dal Direttore della banca o dell’istituto finanziario esattamente il motivo della verifica e cosa realmente stia rallentando la pratica di richiesta mutuo o altri strumenti finanziari.

Chi fa da se fa per tre… esiste il modo per saperlo!

Dovete sapere che esiste la possibilità di accesso ai dati finanziari personali e potete utilizzare questi due canali:

  1. La Centrale Rischi della Banca d’Italia;
  2. Il Crif.

Leggi anche: Guida completa ai mutui online

Ma vediamo con l’aiuto di Mr Banca in cosa consistono questi due servizi.

Servizio di Accesso dati della Banca d’Italia

La Banca d’Italia gestisce un sistema informativo, la Centrale dei Rischi, che raccoglie tutte le informazioni sui crediti concessi ai clienti.

Il servizio consente di venire a conoscenza dei dati che le banche e altri istituti finanziari hanno segnalato sul conto dei propri debitori.

Questo servizio è gratuito!

È sufficiente compilare il modulo che trovate a disposizione nel link che vi abbiamo fornito sopra e compilarlo, oppure potete ritirarlo direttamente presso le filiali della Banca d’Italia.

Richiedere la verifica è molto semplice:

  • Compilate il modulo e firmatelo;
  • Nel caso di richiesta inviata a mezzo posta, fax, posta elettronica certificata (PEC) o presentata allo sportello senza la sottoscrizione in presenza dell’interessato, allegate al modulo la fotocopia del documento di identità;
  • Inviate tutto tramite PEC o FAX ad una delle filiali della Banca d’Italia oppure consegnatela a mano o tramite delega;
  • La procedura tramite PEC è caldamente consigliata anche dalla stessa Banca D’Italia;
  • Dovete poi ritirare i dati presso lo sportello delle filiali (anche tramite delega).

Servizio di Accesso del CRIF

Guida mutui casaIl CRIF è un’altra soluzione che permette di conoscere i dati finanziari sui crediti concessi o di richiedere una modifica degli stessi (sulle banche dati gestite da CRIF).

Anche in questo caso è necessario inviare la richiesta tramite modulo scaricabile online.

Riceverete una risposta dal CRIF entro 15 giorni dalla ricezione della richiesta, tramite l’indirizzo fornito (email o postale).

Al contrario del servizio offerto dalla Banca d’Italia, questo servizio non è gratuito, ma ha i seguenti costi:

  • 4€ (IVA inclusa), nel caso in cui vengano rilevate informazioni a vostro nome;
  • 10 euro (IVA inclusa), nel caso in cui non sia presente nessuna informazione a vostro nome;
  • Questo costo può essere pagato tranquillamente online o nei punti vendita Sisal Pay seguendo le informazioni contenute nella lettera di risposta.

Leggi anche: Mutui casa: tu chiedi e Mr Banca risponde

Vuoi chiedere qualcosa a Mr Banca?

Contattaci via email o sui social network, siamo su Facebook, Twitter e Google+.