E se la blockchain prendesse di mira Airbnb?

Airbnb & Blockchain

Pensate ora a una versione di Airbnb basata su Blockchain, senza intermediari quindi senza Airbnb.

Bene, smettete di sognare. Esiste già.

Per siti come Airbnb la blockchain è molto utile. Questo perché è in grado di memorizzare le identità online delle persone. Ciò consente alle persone di verificare facilmente se si è un host affidabile controllando i documenti e le informazioni associate al proprio account. A differenza di siti come Facebook, su Airbnb “powered by Blockchain” è impossibile eliminare il proprio account e registrarsi nuovamente se si ha una cattiva reputazione. Questo perché i dati sulla blockchain non possono essere modificati. La reputazione è la chiave sia per gli host che per gli ospiti su Airbnb e il fatto che non possa cambiare è utile per entrambe le parti in causa.

Interessante? E’ solo l’inizio, continua a leggere…

Il mondo crypto & blockchain sta prendendo di mira le aziende che fanno piattaforma, con l’idea di creare reti peer-to-peer reali. Vediamo di che si tratta…

Bitcoin (BTC): La blockchainDiverse ICO (Initial Coin Offering) stanno cercando di realizzare proprio questo, ricreare l’ecosistema virtuoso di Airbnb sulla blockchain.

Stimo parlando di un Airbnb con 0% commissioni, senza call center difficili da raggiungere, con pagamenti istantanei, dove le parti in lite sono aiutate da uno “smart contract”, un contratto intelligente. Tutto questo è mandato avanti giorno per giorno da un sistema che non chiede lo stipendio a fine mese…

Si è parlato per anni delle virtù della “sharing economy“, il “nuovo” che metteva in contatto ogni tipo di domanda con la sua relativa offerta. Quello che è successo in realtà è che i giganti internazionali con sede in Silicon Valley hanno, con la tipica aggressività delle start up americane, preso quasi immediatamente il monopolio del loro settore di riferimento.

E se la blockchain prendesse di mira Airbnb?

AirbnbI team che vi andiamo a presentare qui di seguito hanno una valenza sociale, oltre a quella scontata di business. Più che sharing economy qui si ragiona in termini di gig economy: i milioni di disoccupati sparsi per il mondo possono avere la possibilità di trovare un’occupazione grazie alla blockchain.

In Svizzera la Winding Tree è stata al centro delle attenzioni degli invstitori, arrivando a raccogliere circa 15 milioni in 15 giorni.

Origin Protocol è un altro nome interessante che si trova in pre-ICO, raccogliendo denaro da invstitori privati interessati al progetto.

Lockchain è in fase di partenza.

Le ICO permettono agli imprenditori con un progetto importante di raccogliere denaro da investitori in tutto il mondo senza dover passare per le maglie della burocrazia locale e questo è un punto importante per noi italiani. Infatti l’Italia non manca in questo scenario innovativo e futuribile: ci sono diversi team italiani impegnati sul progetto, l’Italia è diventata una delle nazioni dove la raccolta sulla blockchain sta funzionando meglio. Più bravi dell’Italia, solo la piccola Zug in Svizzera (la “crypto valley”), l’isola di Man, Malta e Gibilterra.

Leggi anche: Il primo fondo di investimento europeo basato sulla blockchain

Il primo fondo di investimento europeo basato sulla blockchain

Airbnb e Uber hanno aiutato tanta gente a trovare lavoro o a guadagnare qualcosa mettendo a frutto il possesso di asset familiari come seconde case o proprietà immobiliari in destinazioni di vacanza. Il problema di questi grossi nomi che dalla Silicon Valley hanno conquistato il mondo resta il monopolio che hanno cercato e raggiunto. Questi giganti internazionali hanno delle grosse spese di gestione e una pessima fama di bad customer care.

Dove concorrenza c’è stata, Uber e Airbnb hanno sofferto nei fatturati e nei profitti. Forse nei prossimi anni vedremo finalmente più movimento grazie all’avvento del mondo crypto & blockchain nel settore delle aziende che fanno piattaforma? Se si affermerà l’idea di creare reti peer-to-peer reali per coniugare domanda e offerta, saranno tutti a vincere.

Investire in CFD con il trading online su Airbnb e le iniziative blockchain

 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com8.6RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital7.8RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7.4RecensioneRichiedi
BDSwissBDSwiss7.3RecensioneRichiedi
LibertexLibertex7.3RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6RecensioneRichiedi

Per rimanere in tema: sapevate che fino al 10% degli scambi effettuati in borsa sono soggetti a vari errori, che a loro volta comportano la necessità di un intervento di correzione manuale e un aumento del tempo necessario per regolare le transazioni? Come i lettori di Mr Banca sanno bene, tutto ciò che riduce il tempo nel completamento delle negoziazioni è una buona cosa. Si pensa che la tecnologia blockchain possa essere in futuro la risposta anche a questo. E’ possibile già da ora investire in CFD puntando sulla crescita dei titoli collegati allo sviluppo del settore blockchain, qui vi indichiamo il broker online di riferimento in Italia.

Gli altri broker online recensiti da Mr Banca

Markets.com

TRADING TOOLS +
CONTO PRATICA GRATUITO

Voto: 8.6/10
INFORMATIRICHIEDI

Tutte le informazioni memorizzate sulla blockchain sono salvate in modo sicuro nella rete e non possono essere modificate. Grazie a questa tecnologia, chi fa trading online in futuro dovrebbe riscontrare meno errori e necessità di coinvolgimento umano, che dovrebbe tradursi in un enorme risparmio di tempo e denaro. E si spera, anche di guadagni. In questa tabella poco sopra vi indichiamo i broker online che abbiamo recensito, i migliori per fare trading da casa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*