I colossi di Internet su Libertex.com – Microsoft

Investimenti

Oggi andremo a raccontare la storia di una azienda che, vi piaccia o no, è onnipresente nel mondo dei dispositivi elettronici siano essi un tablet, un personal computer o uno smartphone: Microsoft. Dalle sue origini negli anni ’70, come una startup nata tra i garage californiani, fino alla conquista del mondo digitale negli anni ’90 per poi giungere alla reinvenzione dei giorni d’oggi sotto il CEO Satya Nadella, Microsoft ha scritto una lunga e leggendaria storia.

sede microsoft

Microsoft, una azienda che viene riconosciuta come uno dei principali colossi dell’era digitale, un titolo su cui contare per i tuoi investimenti e uno dei prodotti offerti da una delle piattaforme di trading online più potenti al mondo: Libertex.com.

Leggi anche: LIBERTEX: i punti di forza di questo broker

Microsoft: Windows, Explore, Office e tutti i suoi successi

Microsoft, azienda leader mondiale nello sviluppo di sistemi e applicazioni software per personal computer. L’azienda americana pubblica anche libri e titoli multimediali, produce una propria linea di tablet e computer ibridi, offre servizi di posta elettronica e vende piattaforme di gioco elettronici, periferiche per computer (dispositivi di input / output) e lettori multimediali portatili.

Microsoft possiede uffici vendite in tutto il mondo. Oltre al suo principale centro di ricerca e sviluppo presso la sua sede centrale a Redmond, Washington, Stati Uniti, Microsoft gestisce laboratori di ricerca a Cambridge, in Inghilterra (1997); Pechino, Cina (1998); Sadashivnagar, Bangalore, India (2005); Santa Barbara, California (2005); Cambridge, Massachusetts (2008); New York, New York (2012); e Montreal, Canada (2015).

Bill Gates

Nel 1975 Bill Gates e Paul G. Allen, due amici d’infanzia di Seattle, portarono il Basic, un popolare linguaggio di programmazione per computer mainframe, su un primo personal computer (PC), l’Altair. Poco dopo, Gates e Allen fondarono Microsoft, brand ideato dall’unione delle parole microcomputer e software. Nel 1980 International Business Machines Corporation (IBM) chiese a Microsoft di produrre il sistema operativo per il suo primo personal computer, il PC IBM.

Da MS-DOS a Windows

Microsoft acquistò il sistema operativo da un’altra società, modificandolo e rinominandolo in MS-DOS (Microsoft Disk Operating System). Successivamente la maggior parte dei produttori di personal computer del tempo acquistarono licenze di MS-DOS come sistema operativo, facendo guadagnare una fortuna all’azienda di Redmond;

Negli anni ’90 più di 100 milioni di copie del sistema operativo prodotto da Microsoft furono vendute in giro per il mondo mettendo l’azienda di Redmond in una posizione dominante del mercato. Nel 1990 fu la volta della prima versione di Windows che rivoluzionò l’esperienza utente grazie alla sua innovativa interfaccia grafica basata proprio su finestre di sistema che potevano gestire singoli task. Nel 1993 quasi il 90% dei personal computer di tutto il mondo si accendeva e funzionava con la versione 3.0 di Windows e nel 1995 nasceva il “sistema operativo” ancor oggi più longevo e famoso al mondo: Windows 95. Questa versione fu la prima che riusci a far confluire le potenzialità del software Microsoft con la facilità d’uso che proprio in quegli anni era il cavallo di battaglia del Mac OS di Apple Computer. L’azienda diventò in questi anni una delle società più potenti e redditizie della storia americana superando nel 1996 l’astronomica cifra di 2 miliardi di dollari di reddito netto.

I software multimediali e il browser per eccellenza: Internet Explorer

In questi anni Microsoft rafforzò anche la propria leadership mondiale sul segmento dei software di produttività come i programmi di elaborazione di testi e dei fogli di calcolo, distanziando i rivali del tempo come data Lotus e WordPerfect.

Microsoft ampliò le sue direttrici di business potenziali grazie alla enciclopedia multimediale Encarta e ai servizi di informazione e intrattenimento con una vasta gamma di prodotti e servizi, in particolare la rete Microsoft e MSNBC (una joint venture con la National Broadcasting Company, una grande rete televisiva americana).

Anche durante la grande recessione del 2007-09 gli utili di Microsoft continuarono a crescere arrivando nel 2009 ai 14 miliardi di dollari.

Internet explorer

Sempre negli anni 90 nasce l’era di Internet e Microsoft, spinta dalla diffusione crescente del browser rivale Netscape, sviluppò il proprio browser incluso nel sistema operativo: Internet Explorer. L’azienda aggredì letteralmente il mercato convincendo i produttori di computer e i provider di servizi Internet a distribuirlo in modalità esclusiva. Netscape si rivolse alla giustizia americana per fermare lo strapotere di Microsoft ma alla fine, come spesso avviene, la volontà degli utilizzatori è superiore a qualsiasi altra forza in campo e gli utenti decisero che il proprio browser internet fosse Internet Explorer che raggiunse una vetta altissima dell’89% di quota mercato mondiale.

Le sanzioni Europee

Nel 2004 l’Unione Europea (UE) riscosse la più grande multa mai commissionata nella storia dell’organizzazione. Furono pagati 497,2 milioni di euro (611 milioni di dollari) a causa delle pratiche quasi monopolistiche di Microsoft. Nel 2008 la multa dell’UE fu ancora più elevata, 899 milioni di euro (1,35 miliardi di dollari) per aver unito il software multimediale con il sistema operativo Windows eliminando “de facto” la concorrenza.

I videogiochi e la Xbox

Nel 2001 Microsoft sviluppò la Xbox, una console di gioco elettronica che rapidamente conquistò il secondo posto nel mercato dei videogiochi. Nel 2002 fù il turno di Xbox Live, la community per giocare online grazie all’adozione sempre maggiore, da parte degli utenti, di connessioni internet a banda larga.

La Xbox trovò maggiori difficoltà ad imporsi sul mercato grazie al contesto competitivo differente rispetto a quello dei software per PC con player molto forti e ben posizionati come Nintendo, con la sua Wii, e Sony, con la più utilizzata PlayStation.

microsoft xbox

Nel 2009 Microsoft, per raccogliere maggiori quote di mercato, decise di tagliare il prezzo dell’Xbox 360 fino al 25 percento. La mossa ebbe successo e nel 2010 Xbox 360 era la console di gioco più utilizzata negli Stati Uniti.

Altri esperimenti Microsoft degli di nota in questi primi anni 2000 furono:

  • la famiglia di lettori multimediali portatili Zune (2006) che non riuscì a contrastare il dominio dell’iPod di Apple;
  • Il sistema operativo Windows Mobile, utilizzato negli smartphone da una varietà di produttori tra cui HTC, LG, Motorola e Samsung, che dovette scontrarsi con i prodotti sul mercato dei nuovi giganti Google (Android) e Apple (iOS);

La seconda vita di Windows

La crescita della potenza di calcolo dei computer portò a versioni successive del sistema operativo Microsoft. Nel 2006 uscì sul mercato Windows Vista. La versione iniziale ebbe tanti problemi di incompatibilità con le vecchie periferiche per computer. La sua struttura più “ingombrante” rispetto ai precedenti sistemi operativi richiedeva un microprocessore molto veloce e grandi quantità di memoria dedicata per il corretto funzionamento del computer. Vista non riuscì nel suo intento di convincere la grande massa dei precedenti utenti. Le fasce business e alcune consumer non vollero rinunciare alle ormai performance stabili e veloce di Windows XP.

Il contesto competitivo per Microsoft iniziava a cambiare:

  • Mac OS X di Apple, grazie all’enorme successo dei prodotti di consumo per iPhone e iPod, cresceva di popolarità.
  • Linux, da tempo un sistema operativo per l’esperto tecnico, cominciò ad apparire in versioni più user-friendly, come Ubuntu, e alla fine del primo decennio del XXI secolo, Linux aveva catturato un terzo del crescente costo a basso costo mercato dei netbook.

Nel 2009 fù la volta di Windows 7, il sostituto di Vista, elogiato dalla critica di settore. Nel 2012 la società rilasciò Windows 8, che offriva una schermata iniziale con applicazioni che apparivano come tessere su una griglia. Windows 10, pubblicato nel 2015, presentava Cortana, un assistente personale digitale in grado di rispondere ai comandi vocali (come Siri di iPhone) e un nuovo browser Web, Microsoft Edge, che sostituiva Internet Explorer.

La competizione con Google

Nel mercato dei motori di ricerca Microsoft non fu in grado di sovrastare, come fatto per i sistemi operativi, il gigante nascente Google e il terzo player del mercato di allora: Yahoo!.

bing

Nel 2009 con la nascita di Bing, un “motore decisionale” progettato per visualizzare più informazioni recuperate nelle pagine di ricerca rispetto ai competitor. Oggi questo motore di ricerca vanta una quota di mercato mondiale dell’8% non intaccando minimamente lo strapotere di Google.

Su un altro fronte nella sua competizione con Google, Microsoft decise di spostarsi sul fronte del cloud computing, dove il software applicativo e la memorizzazione dei dati sono forniti da servizi Internet centralizzati e sono semplicemente accessibili dagli utenti attraverso i loro PC locali. Nel 2011 Microsoft lanciò Office 365, una versione cloud della sua suite di software per ufficio altamente redditizia (comprendente Word, Excel, PowerPoint, Outlook e OneNote) che includeva servizi e funzionalità simili a quelle di Google Documenti.

Nel 2011 Microsoft acquistò la società di comunicazione video su Internet Skype per la cifra record di 8,5 miliardi di dollari. Questo servizio si mise immediatamente a fronteggiare il servizio Facetime di video chat di Apple e il servizio di comunicazione Internet di Google Voice.

Tutti i numeri di Microsoft

I risultati finanziari del secondo trimestre 2018 di Microsoft fanno registrare un fatturato di oltre 30 miliardi di dollari (crescita del 17% rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente e fatturato superiore di 1 miliardo di dollari rispetto alle aspettative degli analisti).

La crescita è stata uniforme in tutti i 3 principali segmenti dell’azienda:

  • Productivity e Business (Office) +13%
  • Intelligent Cloud (Azure) +23%
  • Personal Computing (Windows, XBox, Surface) +17%.

Si registra anche una crescita nelle vendite dei prodotti della famiglia Surface con un +25% rispetto all’anno precedente. Questi successi hanno condotto l’utile per azione ad un valore odierno di 113,23 dollari.

titolo Microsoft
“Il titolo Microsoft su Libertex.com

 

“Lo sapevate che, nel 1987, all’età di soli 31 anni, il cofondatore di Microsoft Bill Gates divenne il più giovane miliardario di tutti i tempi. Nel 1995, era diventato l’uomo più ricco del mondo con un patrimonio netto di 12,9 miliardi di dollari.”

 

Investire nei titoli Microsoft su Libertex.com

Scopri la semplicità, la trasparenza e l’affidabilità di investire sui titoli Microsoft utilizzando una delle piattaforme di trading online più potenti e complete sul mercato: Libertex.com:

  • Semplicità in quanto la piattaforma di Libertex.com vanta una esperienza utente unica e capace di coinvolgere sin da subito qualsiasi profilo di investitore dal principiante al più esperto. Un portale web in 11 lingue, incluso l’italiano, completo di guide, di notizie economiche e di una sezione di formazione. Un software disponibile nella versione classica da computer e in quella mobile pensata per gli utilizzatori di smartphone (Android e Apple) e tablet;
  • Trasparenza come un elemento distintivo di Libertex.com. Infatti, tutte le commissioni e gli spread applicati sono indicati nella piattaforma accanto ad ogni specifico asset su cui è possibile investire.
  • Affidabilità di un broker che opera dal 1997 e di un marchio internazionale con oltre 20 anni di esperienza. I 2,2 milioni di clienti di Libertex.com provengono da 110 paesi in tutto il mondo. Nel corso della sua storia, Libertex.com ha vinto 30 premi internazionali da riviste e istituzioni finanziarie per la qualità del suo supporto clienti e le sue soluzioni tecnologiche innovative;

premi libertex

Libertex.com si contraddistingue per:

  • Deposito minimo di 100€ ed accesso a tutte le funzionalità offerte;
  • Spread e commissioni di trading chiaramente espressi sulla piattaforma;
  • 170 asset negoziabili tra cui le principali criptovalute;
  • Conto demo gratuito di 5 mila euro virtuali per esercitarsi;
  • Supporto clienti tramite telefono, livechat ed email (9-18 dal lunedì al venerdì);
  • Diverse modalità di pagamento per i depositi e prelievi (carte di credito, bonifico bancario e wallet come Skrill) senza commissioni di trasferimento;
  • App per investire anche in mobilità su smartphone;
  • Leva finanziaria disponibile fino a 600:1 variabile a seconda del singolo asset;
  • Regolamentato Cysec e dalla italiana Consob. Segue le direttive comunitarie MiFID.

MrBanca, seguendo la sua politica di massima trasparenza, ci tiene a ricordare che la leva finanziaria è una arma a doppio taglio: ti consente di incrementare i tuoi guadagni ma, parallelamente, rischia di far lievitare anche le perdite.

Ecco i semplici passi da seguire per aprire il tuo conto con Libertex.com.

Passo 1 di 4: Registra il tuo conto

Crea rapidamente il tuo conto con Libertex.com inserendo email e password che diventeranno le tue credenziali di accesso alla piattaforma di trading online.

registra libertex
“Registra il tuo account libertex.com

Passo 2 di 4: Completa la registrazione del tuo conto

Ti verrà richiesto di completare la tua registrazione Libertex.com facendo alcune semplici operazioni:

  • Inserimento dei propri dati anagrafici e di residenza;
  • Inserimento di altre informazioni (es: esperienze pregresse di trading e conoscenze finanziarie) richieste in ambito regolamentazione per la tua tutela;
  • Verifica dell’indirizzo mail (ed eventuale modifica in caso di non indirizzo non corretto);
completa dati libertex
“Completa i dati del tuo account libertex.com

Passo 3 di 4: Deposita sul tuo Conto

Potrai ora effettuare il deposito sul tuo conto Libertex.com utilizzando una delle modalità di pagamento proposte: Carta di Credito (Visa o Mastercard), Bonifico Bancario o i wallet Neteller e Skrill.

deposita libertex
“Deposita sul tuo conto libertex.com

Passo 4 di 4: Inizia ad investire

Scegli il prodotto (o asset) su cui vuoi investire utilizzando, in caso, la funzionalità di ricerca posta in alto. Decide se vuoi acquistare o vendere e imposta i consueti parametri (ammontare dell’investimento, il take profit e lo stop loss).

investi con libertex
“Investi con libertex.com
Libertex

20 ANNI DI ESPERIENZA
2,2 MILIONI DI CLIENTI

Voto: 7.3/10
INFORMATIRICHIEDI

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*