I titoli su Libertex.com – ENI

Investimenti

Probabilmente la piu’ italiana delle grandi realtà industriali italiane: l’ENI. L’azienda che, in occasione della cocente esclusione della nazionale italiana dai recenti mondiali di calcio in Russia, ha realizzato uno spot TV andato in onda in prima serata dove si è voluto risollevare l’orgoglio nazionale ferito ma mai vinto: “150 grammi sono il peso della leggerezza e dell’orgoglio nazionale che corrispondono al peso della maglia azzurra. Una maglia che, al di là del risultato sportivo, appartiene a chi la sostiene, la ama e supporta l’Italia in qualsiasi momento.”

spot-eni-italia-150grammi

Lo spot rappresenta un racconto fatto di passione ed entusiasmo che è racchiuso in 150 grammi, il peso di una maglietta indossata, sventolata, appesa. Tra ricordi ed emozioni legati al mondo del calcio si arriva al collegamento con ENI che rappresenta l’energia che muove il Paese. Due simboli dell’Italia, il cane a sei zampe e la maglia azzurra, che condividono valori ed energia e che hanno l’obiettivo comune di rendere orgogliosi gli italiani, del proprio Paese e del futuro.

eni italia spot

ENI, un orgoglio nazionale, un titolo su cui programmare i tuoi investimenti che è possibile fare anche utilizzando una tra le piattaforme di trading online più potenti al mondo: Libertex.com.

Leggi anche: LIBERTEX: i punti di forza di questo broker

ENI: il cane a sei zampe tutto italiano

logo ENIFin dalla sua fondazione, nel 1953, ENI ha instaurato rapporti molto stretti con i suoi impiegati che nel corso degli anni hanno sviluppato un forte senso di appartenenza e orgoglio. Fin da subito furono introdotte iniziative per facilitare le attività dei lavoratori: a Borca di Cadore e a Cesenatico vennero costruiti villaggi e colonie e a Roma e San Donato furono costruiti complessi residenziali per dipendenti. In pochi anni ENI ha consolidato una solida struttura organizzativa, con 56.000 dipendenti, tecnici altamente qualificati e con esperienza, laboratori di ricerca all’avanguardia e una scuola superiore per studi sugli idrocarburi, istituita per la formazione di manager e dirigenti italiani e stranieri.

La necessità di portare energia al paese ha spinto ENI a superare i stretti confini nazionali. Nel dicembre del 1954 un accordo con il governo egiziano guidato da Nasser fece tremare le fondamenta del mercato petrolifero globale. L’accordo avviò la partecipazione diretta e un pari ruolo decisionale per i paesi produttori di petrolio attraverso la costituzione di joint venture. Tre anni dopo, un accordo simile fu firmato nel marzo 1957 con lo Scià di Persia, Reza Phlevi e la compagnia petrolifera nazionale iraniana, questa nuova formula, che divenne nota come la “Formula Mattei“, segnò l’inizio di una svolta importante nelle relazioni tra i paesi produttori e le compagnie petrolifere mondiali.

enrico mattei eni
“Enrico Mattei firma gli accordi tra l’ENI e l’URSS”

La posizione di ENI nel panorama geopolitico negli anni della “Guerra fredda” acquistò particolare importanza grazie all’accordo firmato nell’ottobre 1960 con il governo sovietico per l’importazione di greggio russo in Italia a prezzi molto convenienti. Nello stesso periodo, ENI riesce ad aprire le porte alla collaborazione con la Cina che per realizzare i suoi piani di industrializzazione e sviluppo economico chiese aiuto ai paesi occidentali. L’ENI di Mattei non solo riusci in questo scopo ma fu anche in grado di svolgere un delicato e coraggioso ruolo diplomatico nel dialogo tra la Cina e la Russia che in quegli anni non era certo idilliaco.

Negli anni successivi, ENI decise di adottare una doppia strategia: nel mondo per il petrolio, stipulando accordi di joint venture con un numero di compagnie straniere per la fornitura di petrolio greggio (Egitto, Iran, Libia, Tunisia). In Italia per il rafforzamento della propria posizione nel mercato dell’energia acquisendo Italgas, nel 1967 e espandendosi nell’industria petrolchimica.

Vennero stipulati nuovi accordi internazionali volti ad ampliare il panorama nazionale e il dialogo con le comunità. Con il governo libico nel settembre 1974 seguito da ulteriori accordi in Egitto, Nigeria e Tunisia. Dal 1976 l’ENI poteva contare su due nuovi giacimenti petroliferi scoperti nel settore britannico del Mare del Nord.

Un altro fattore di successo in questi anni fu la costruzione di una rete di condotte di migliaia di chilometri in Europa e nel Mediterraneo per il trasporto di gas naturale su lunghe distanze. Un progetto che sarebbe stato inimmaginabile solo pochi anni prima.

gasdotto eni

L’ampia area globale di esplorazione e le attività di produzione di petrolio e gas consentirono ad ENI di superare quasi indenne la crisi economica causata dalla seconda crisi petrolifera del 197980, in seguito a quella del 1973 provocata dalla guerra dello Yom Kippur.

Nel 1983, con l’entrata in funzione del gasdotto sottomarino Transmed che collegava l’Algeria alla Sicilia attraverso la Tunisia, fu firmato un nuovo accordo con la Libia che si concentrava sullo sfruttamento di Bouri, il più grande giacimento petrolifero del Mediterraneo. L’anno seguente, ENI scoprì altri giacimenti in Egitto, nel Golfo del Messico e in Congo e consolidò la sua presenza in Nigeria. Nel 1988, olio di alta qualità è stato scoperto anche in Italia, nella Val d’Agri in Basilicata, il più grande giacimento petrolifero on shore dell’Europa continentale. Un decreto legislativo dell’agosto 1992 trasformò da ENI una società statale in una società privata, aprendo la strada per una quotazione alla Borsa Italiana e alla Borsa di New York alla fine del 1995 e alla vendita, in tranche successive, di azioni verso investitori istituzionali, investitori privati ​​e dipendenti.

Dopo l’approvazione, nella seconda metà degli anni ’90, delle direttive dell’Unione Europea per il settore elettrico e l’area del gas naturale, il 2000 ha visto l’inizio della liberalizzazione del mercato costringendo ENI ad un cambio di strategia sul mercato.

Nel frattempo circa il 70% del capitale di ENI  è passato nelle mani di azionisti privati. Le principali società che guidarono nel passato i diversi settori divennero delle “divisioni”, rendendo ENI  una società operativa a tutto tondo con matrice internazionale.

Il nuovo secolo segnò l’iniziò dello sviluppo del più importante giacimento petrolifero scoperto negli ultimi trenta anni, il Kashagan Field kazako, nel Mar Caspio settentrionale che si stima abbia riserve commerciali tra i 9 e i 16 miliardi di barili di petrolio.

Kashagan Field
“Il Kashagan Field in Kazakistan”

Nel 2003 iniziarono i lavori per il gasdotto Blue Stream, una joint venture tra ENI e Gazprom per il trasporto del gas dalla Russia meridionale ad Ankara, la capitale turca. Gli anni dal 2005 al 2009 hanno visto lo sviluppo di progetti e accordi internazionali, l’acquisizione di riserve nelle aree più importanti del mondo e il rafforzamento della leadership dell’azienda nel mercato europeo del gas.

E’ notizia di quest’anno dell’ingresso di ENI nel mondo dei supercomputer e dei Big Data. In passato l’esplorazione del sottosuolo era costituita da diversi ingredienti “naturali”: semplici stime, molta esperienza, un pizzico di intuito e una buona dose di coraggio imprenditoriale. Oggi ENI ha realizzato il supercalcolatore HPC4 classificato tra i primi 10 supercomputer al mondo per potenza di calcolo e primo in assoluto tra quelli non governativi e non istituzionali. Questo strumento verrà utilizzato principalmente per lo studio dei dati ottenuti da ENI nelle ricerche di gas e petrolio e nelle simulazioni occupandosi dell’elaborazione dei dati per l’imaging geofisico tridimensionale, della modellizzazione dei sistemi petroliferi e dell’elaborazione di modelli di simulazione dei giacimenti e di ottimizzazione degli impianti produttivi. Un grande balzo nel futuro per il cane a sei zampe.

Tutti i numeri di ENI

ENI nel primo trimestre 2018 ha raggiunto risultati economici e finanziari eccellenti con un incremento del prezzo Brent in euro dell’8%, l’utile operativo adjusted di gruppo è aumentato del 30%, mentre la generazione di cassa da risultato è cresciuta del 22%. L’utile netto del primo trimestre 2018 è stato di 0,95 miliardi di euro. Tutti gli indicatori per il 2018 sono al rialzo rispetto alle stime di inizio anno. La società conta quasi 34 mila dipendenti.

valore titolo ENI
“Il titolo ENI su Libertex.com

Il titolo ENI alla Borsa italianavale oggi 16,06 euro. E’ un titolo in crescita visti i risultati della prima trimestrale dl 2018 e i continui occhiolini di assenso delle agenzie di rating mondiali in questi giorni. Perché non investire subito in titoli ENI?

Investire nei titoli ENI su Libertex.com

Scopri la semplicità, la trasparenza e l’affidabilità di investire sui titoli ENI utilizzando una delle piattaforme di trading online più potenti e complete sul mercato: Libertex.com:

  • Semplicità in quanto la piattaforma di Libertex.com vanta una esperienza utente unica e capace di coinvolgere sin da subito qualsiasi profilo di investitore dal principiante al più esperto. Un portale web in 11 lingue, incluso l’italiano, completo di guide, di notizie economiche e di una sezione di formazione. Un software disponibile nella versione classica da computer e in quella mobile pensata per gli utilizzatori di smartphone (Android e Apple) e tablet;
  • Trasparenza come un elemento distintivo di Libertex.com. Infatti, tutte le commissioni e gli spread applicati sono indicati nella piattaforma accanto ad ogni specifico asset su cui è possibile investire.
  • Affidabilità di un broker che opera dal 1997 e di un marchio internazionale con oltre 20 anni di esperienza. I 2,2 milioni di clienti di Libertex.com provengono da 110 paesi in tutto il mondo. Nel corso della sua storia, Libertex.com ha vinto 30 premi internazionali da riviste e istituzioni finanziarie per la qualità del suo supporto clienti e le sue soluzioni tecnologiche innovative;

premi libertex

Libertex.com si contraddistingue per:

  • Deposito minimo di 100€ ed accesso a tutte le funzionalità offerte;
  • Spread e commissioni di trading chiaramente espressi sulla piattaforma;
  • 170 asset negoziabili tra cui le principali criptovalute;
  • Conto demo gratuito di 5 mila euro virtuali per esercitarsi;
  • Supporto clienti tramite telefono, livechat ed email (9-18 dal lunedì al venerdì);
  • Diverse modalità di pagamento per i depositi e prelievi (carte di credito, bonifico bancario e wallet come Skrill) senza commissioni di trasferimento;
  • App per investire anche in mobilità su smartphone;
  • Leva finanziaria disponibile fino a 600:1 variabile a seconda del singolo asset;
  • Regolamentato Cysec e dalla italiana Consob. Segue le direttive comunitarie MiFID.

MrBanca, seguendo la sua politica di massima trasparenza, ci tiene a ricordare che la leva finanziaria è una arma a doppio taglio: ti consente di incrementare i tuoi guadagni ma, parallelamente, rischia di far lievitare anche le perdite.

Ecco i semplici passi da seguire per aprire il tuo conto con Libertex.com.

Passo 1 di 4: Registra il tuo conto

Crea rapidamente il tuo conto con Libertex.com inserendo email e password che diventeranno le tue credenziali di accesso alla piattaforma di trading online.

registra libertex
“Registra il tuo account libertex.com

Passo 2 di 4: Completa la registrazione del tuo conto

Ti verrà richiesto di completare la tua registrazione Libertex.com facendo alcune semplici operazioni:

  • Inserimento dei propri dati anagrafici e di residenza;
  • Inserimento di altre informazioni (es: esperienze pregresse di trading e conoscenze finanziarie) richieste in ambito regolamentazione per la tua tutela;
  • Verifica dell’indirizzo mail (ed eventuale modifica in caso di non indirizzo non corretto);
completa dati libertex
“Completa i dati del tuo account libertex.com

Passo 3 di 4: Deposita sul tuo Conto

Potrai ora effettuare il deposito sul tuo conto Libertex.com utilizzando una delle modalità di pagamento proposte: Carta di Credito (Visa o Mastercard), Bonifico Bancario o i wallet Neteller e Skrill.

deposita libertex
“Deposita sul tuo conto libertex.com

Passo 4 di 4: Inizia ad investire

Scegli il prodotto (o asset) su cui vuoi investire utilizzando, in caso, la funzionalità di ricerca posta in alto. Decide se vuoi acquistare o vendere e imposta i consueti parametri (ammontare dell’investimento, il take profit e lo stop loss).

investi con libertex
“Investi con libertex.com
Libertex

20 ANNI DI ESPERIENZA
2,2 MILIONI DI CLIENTI

Voto: 7.3/10
INFORMATIRICHIEDI