Ing Direct e il caso antiriciclaggio: quale impatto sui clienti?

Ing Direct e il caso antiriciclaggio: quale impatto sui clienti?

E’ di questi giorni la notizia sul coinvolgimento della banca Ing Direct su un tema particolarmente scottante, il riciclaggio. Non possiamo nascondere che questa notizia abbia sorpreso molti osservatori, in quanto Ing Italia, titolare di brand molto noti come “Conto Arancio” o “Mutuo Arancio”, non è certo una piccola realtà nel panorama dei conti correnti on line, ma un istituto solido radicato in Italia da tempo, con una base clienti consistente ed un’offerta di prodotti e servizi ricca e competitiva.

Quali sono quindi i problemi che Ing Direct sta riscontrando in Italia ed all’estero? Quali gli impatti sui clienti?

Ing Direct e l’indagine della Procura di Milano

Ing DirectInnanzitutto una prima notizia che era trapelata era quella relativa ad una serie di controlli effettuati da parte degli organi della Banca d’Italia nei mesi scorsi, in seguito ai quali la stessa Banca centrale aveva deciso il blocco dell’acquisizione di nuovi clienti da parte di Ing Italia (il ramo “italiano” di Ing Direct, come dicevamo, titolare di prodotti come Conto Arancio, Conto Corrente Arancio, Prestito Arancio e Mutuo Arancio). Ma quali erano i motivi alla base dell’ispezione? E’ una domanda per la quale oggi iniziano ad arrivare le prime risposte.

Leggi anche: Recensione Conto Arancio Ing

L’inchiesta della Procura di Milano su Ing Direct

Sembrerebbe che l’inchiesta della procura di Milano nasca da una serie di segnalazioni effettuate nel’ambito della collaborazione europea in merito alla pubblica sicurezza. Ci sarebbero state una serie di truffe in diversi paesi europei basate sull’utilizzo di conti italiani riferiti proprio ad Ing Italia. In gran parte non sarebbero truffe “milionarie”, ma una serie di movimentazioni medio–piccole per lo più associate alla (presunta) fornitura di prodotti e servizi su alcune popolari piattaforme di e-commerce o di intermediazione di locazioni immobiliari, come Amazon ed Airbnb (peraltro queste ultime estranee alla vicenda).

In pratica le truffe avvenivano semplicemente “convincendo” gli acquirenti a non utilizzare la piattaforma di pagamento del gestore (in questo caso Amazon, o Airbnb), cosa che in questi casi è invece ampiamente consigliata, ma di accreditare gli importi direttamente su alcuni conti correnti aperti proprio presso Ing Italia. Da qui nasce quindi l’indagine della Procura di Milano che ha portato anche all’ispezione da parte degli organi della Banca d’Italia e, come detto, al conseguente provvedimento di stop alle nuove acquisizioni di clientela da parte di Ing Italia causa di una serie di inottemperanze relative ai controlli in tema di antiriciclaggio.

Il precedente olandese

A rendere il quadro un po’ più inquietante è inoltre la considerazione che il gruppo bancario in questione non è nuovo a vicende di questo tipo. In passato infatti la Procura di Amsterdam aveva a sua volta aperto un’inchiesta sempre per riciclaggio, oltre che per corruzione, che aveva determinato una multa molto cospicua (oltre 700 milioni di euro).

Ing Direct – una realtà ormai consolidata anche in Italia

Ing Direct, una banca affermata anche in ItaliaQuello che sorprende in questa vicenda è il coinvolgimento di un istituto bancario come Ing Direct, che è ormai una realtà consolidata non solo in Italia, ma in molti paesi in Europa e nel mondo.

Anche se le sue fortune in Italia sono prevalentemente legate ai conti correnti online, non si tratta di un operatore marginale. Basti pensare che in Italia può vantare oltre un milione e trecentomila clienti, mentre nel mondo stiamo parlando di una presenza in decine di paesi con un numero di clienti che complessivamente supera i 38 milioni. Non abbiamo a che fare quindi con un operatore di conti correnti o di carte di credito online nato da poco e con una presenza marginale nel panorama dell’offerta di servizi finanziari in Italia.

E’ utile inoltre sottolineare come Ing Direct in Italia si caratterizzi per essere un operatore che offre dei servizi nell’ambito di un’offerta semplice, chiara e molto ben presentata sul suo sito. Accedendo all’home page di Ing Direct nella versione italiana, infatti, i principali servizi, come il Conto Arancio, il Conto Corrente Arancio, i servizi di finanziamento e anche alcune forme di investimento sono spiegati in modo semplice e pulito e la sottoscrizione degli stessi è agevolata dalla semplicità ed efficacia che caratterizza questo operatore. Abbiamo a che fare insomma con una società che ha una notevole cura del cliente e che in modo molto professionale è in grado di semplificare al massimo l’esperienza dei propri utenti nella fruizione dei servizi.

L’impatto sulla clientela

Al momento sembra che i provvedimenti presi dalle autorità non pregiudichino il normale funzionamento di tutti i servizi a disposizione della clientela in essere.

L’impatto dello stop alle nuove acquisizioni per Ing direct tuttavia è notevole, se consideriamo che ogni anno sono circa 100.000 coloro che scelgono di aprire un conto corrente con questo operatore.

Ing Direct dovrebbe provvedere al più presto a mettersi in regola con la normativa vigente, secondo quanto dichiarato. Vedremo gli sviluppi nelle prossime settimane.

Conti correnti e conti deposito online

Ing Direct

ING DIRECT
Senza Spese
SCOPRI L'OFFERTA

Voto: 6/10
INFORMATIRICHIEDI
 Conto CorrenteVotoLeggiVai
Credit AgricoleCredit Agricole8/10RecensioneRichiedi
CheBanca!CheBanca!7.5/10RecensioneRichiedi
FinecoFineco7.5/10RecensioneRichiedi
IWBankIWBank6.5/10RecensioneRichiedi
YouBankingYouBanking6.5/10RecensioneRichiedi
CarigeCarige6.5/10RecensioneRichiedi
UnicreditUnicredit6/10RecensioneRichiedi
Ing DirectIng Direct6/10RecensioneRichiedi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*