La differenza tra Opzioni, Opzioni Binarie, Contratti Per Differenza (CFD) e lo Spread Betting

Facciamo chiarezza...

Il prezzo delle Opzioni Binarie

Tutti i prodotti sopraelencati sono dei derivati, che permettono all’investitore di fare dei profitti in base ai movimenti in positive o in negative di azioni, valute straniere, beni come oro o petrolio o qualunque altro “asset” finanziario.

Le Opzioni

Opzioni Mountain RangeLe normali opzioni sono uno strumento finanziario differente da quelli che seguono. I contratti di opzioni vengono stipulati da un broker o da una qualunque istituzione finanziaria con un soggetto, che acquista il diritto, non l’obbligo, di acquistare o di vendere ad un determinato prezzo (strike price) un determinato strumento finanziario (chiamato sottostante) che consiste in azioni, commodities, tassi di interesse etc etc. Le opzioni che danno il diritto ad acquistare vengono chiamate “CALL”, mentre quelle che danno diritto a vendere sono chiamate “PUT”. Nelle normali opzioni l’investitore rischia solamente la commissione per l’acquisto del diritto a comprare (o a vendere).

La regolamentazione delle Opzioni

Il mercato delle opzioni è legale in tutti i mercati mondiali, sia nei mercati regolamentati sia in quelli non regolamentati, mercati “over the counter” (OTC) dove gli accordi vengono negoziati tra le parti senza la regolamentazione e la supervisione di autorità e senza la presenza di contratti predefiniti.

Leggi anche: CFD vs Opzioni

Le Opzioni binarie

Le opzioni binarie permettono di “scommettere” sul movimento di un prezzo in un determinato lasso di tempo (da pochi minuti ad ore). Per fare un esempio numerico, un soggetto può investire 1000 euro sul rialzo dell’Euro rispetto al Franco Svizzero (CHF) nella prossima ora. Se alla fine di questa ora, l’Euro si è apprezzato rispetto al Franco Svizzero, l’investitore otterrà fino al 70% dell’investimento, oltre alla restituzione dell’investimento stesso. Quindi in questo caso gli ritorneranno 1700 Euro. Al contrario se il Franco si apprezzerà rispetto all’Euro, l’investitore perderà tutti i 1000 euro. Ovviamente le opzioni binarie possono essere applicate praticamente a tutto dagli indici fino alle azioni.

La regolamentazione sulle Opzioni Binarie

In Europa, i legislatori dei singoli Paesi stanno ponendo molti vincoli ai broker che offrono le opzioni binarie, in alcuni casi accostandoli quasi a scommesse piuttosto che a strumenti finanziari. Quasi tutti i broker operanti in Europa richiedono l’autorizzazione al CySec (organo di controllo cipriota) ed offrono i loro servizi ai residenti europei. Negli Stati Uniti, le opzioni binarie sono “relegate” nei mercati regolamentati e sotto il controllo della Securities and Exchange Commission (SEC). In Paesi come Israele le opzioni binarie non sono permesse, mentre in Cina è legale ma non esistono mercati regolamentati, per cui gli scambi avvengono per contratti stipulati tra due soggetti. In Giappone invece questo mercato è considerato legale ma pochissimi brokers hanno ottenuto la licenza per operare.

Leggi anche: Guida pratica alle opzioni binarie

CFD, Contratti Per Differenza

I contratti per differenza (denominati in breve CFD, dall’inglese Contract For Difference) sono degli strumenti finanziari derivati da altri strumenti d’investimento ed il loro valore viene determinato in base all’andamento dello strumento sottostante. In questo contratto le parti si scambiano il denaro, non beni, determinando il quantum dello scambio in base alla variazione del valore del sottostante tra l’apertura e la chiusura dell’operazione. Quindi vi è un acquirente ed un venditore, per cui nel caso di aumento del prezzo l’acquirente guadagnerà, nel caso di una diminuzione del prezzo sarà il venditore a realizzare un profitto. Questi CFD sono strumenti derivati che principalmente vengono utilizzati per speculazione nei vari mercati, al contrario delle opzioni che vengono anche utilizzate per motivi di protezione (Hedgening) dalle fluttuazioni dell’andamento dei prezzi nei mercati.

La regolamentazione sui CFD

I contratti per differenza (CFD) sono attualmente legali in moltissimi paesi tra cui Gran Bretagna, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Germania, Svizzera, Italia, Singapore, Sudafrica, Australia, Svezia, Francia, Irlanda, Giappone e Spagna. Negli USA invece, la SEC non ha permesso di utilizzare questi strumenti finanziari anche nei mercati OTC. In alcuni mercati come quello di Hong Kong si prevede l’introduzione di tali contratti nel listino dei titoli in un prossimo futuro.

Leggi anche: Guida pratica ai CFD

Lo Spread Betting

Lo spread betting è uno strumento che permette alle persone di fare profitti non solo in base alla direzione del prezzo di un sottostante ma anche dal grado del suo movimento. Per esempio se le azioni della compagnia “Alfa” hanno un prezzo di 100€ e la compagnia di brokeraggio, che offre lo spread betting, decide un range tra i 90 e 110€. In questo caso gli scommettitori possono decidere quanto vogliono scommettere che il prezzo scenderà sotto i 90€ o sopra i 110, con un moltiplicatore maggiore a seconda ci si allontani dal range quotato (90-110€). Questo significa che le vincite potenziali possono essere notevolmente superiori ai soldi investiti e tutto dipende sostanzialmente dal range posto.

La regolamentazione sullo Spread Betting

Lo spread betting è popolare e legale in Inghilterra, nei paesi anglosassoni ed in Giappone, sebbene con differenze sulla tassazione. Nel resto del mondo, tra cui in Italia ed in Cina tale forma di investimento (o scommessa) non è legale.

Leggi anche: Operatività: spread, pip & ordini

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*