Le 5 regole d’oro per scegliere il mutuo prima casa

Le 5 regole d’oro per scegliere il mutuo prima casa

Hai deciso finalmente di acquistare un’abitazione ed hai bisogno di un mutuo prima casa? Non sai districarti tra le molteplici offerte delle banche e sei indeciso tra tasso fisso e variabile?

Trovi di seguito alcune importanti regole per la scelta del mutuo prima casa che è sempre bene ricordare. Una breve guida che ti può essere di aiuto nel prendere una decisione molto importante che avrà impatto sulle tue finanze per molti anni

Ecco quindi quali sono le 5 regole d’oro che dovrebbe seguire chiunque debba scegliere il proprio mutuo prima casa

Regola n.1 – scegli con cura la durata del tuo mutuo prima casa

mutuo prima casa per realizzare i sogniHai già scelto la casa dei tuoi sogni oppure hai chiaro il “taglio” e la cifra che dovresti spendere per l’acquisto?

Hai anche un’idea abbastanza precisa dell’importo che dovrai chiedere alla banca per il tuo mutuo prima casa – euro più, euro meno?

A questo punto una prima importante scelta da prendere è quella relativa alla durata del mutuo. Non è una scelta banale, perché ha delle importanti ripercussioni. In questo momento non è necessario ancora decidere in modo puntuale “il mio mutuo durerà 23 anni e 4 mesi”, ma avere un’idea se siamo orientati verso una durata molto lunga (25-30 anni) oppure di gran lunga inferiore (ad esempio 10-15 anni). Certo, molto dipende dall’entità della rata mensile (o semestrale) che siamo disposti a sostenere, ma anche da altri fattori.

Con l’aiuto di uno dei tanti simulatori presenti su internet possiamo avere un’idea di quanto sarebbe l’ammontare della rata nelle diverse ipotesi di durata, ma valgono due considerazioni generali:

-una durata molto lunga spesso è l’unica possibilità che abbiamo per rendere sostenibile l’acquisto. La rata si abbassa, è vero, ma gli interessi che avremo corrisposto alla banca alla fine del mutuo saranno molto più elevati

-una durata più breve porta ad avere una rata da pagare più alta, ma gli interessi corrisposti alla banca alla fine sarenno inferiori. Valuta quindi anche l’aspetto finanziario dell’operazione

Regola n.2 – Scegli tra mutuo a tasso fisso o variabile

Adesso che hai un’idea di quale sarà la durata del tuo mutuo prima casa, prova a fare delle simulazioni tra i principali mutui a tasso fisso e variabile utilizzando uno dei motori di ricerca che trovi sul web. Noterai che la rata sarà più alta per il mutuo a tasso fisso: è normale, la certezza di avere una rata costante ha il suo prezzo.

Il dilemma tra tasso fisso e variabile non è semplice da risolvere, e ci sono molte variabili, sia oggettive che soggettive, da tenere in considerazione. Tieni presente che il mutuo a tasso fisso in genere costa di più all’inizio e dovrebbe essere la scelta migliore se i tassi sono alminimo e destinati a crescere nel tempo. Il tasso variabile ti fa risparmiare all’inizio del mutuo ma è più rischioso. La scelta può dipendere quindi molto dalla durata scelta (più è lunga, maggiore è il rischio per il tasso variabile) e dalla propria propensione al rischio

Regola n.3 – Scegli la banca migliore per il tuo mutuo prima casa

A questo punto puoi iniziare a fare delle simulazioni per vedere su Internet l’offerta dei principali istituti bancari per il tuo mutuo prima casa. Valuta i migliori, cercando di capire non solo quanto ti verrebbe la rata, ma il TAEG e i costi aggiuntivi quali perizia, istruttoria, assicurazione, ecc. Contatta anche la tua banca per sentire cosa possono offrirti (in fondo sei un cliente che vorranno mantenere). Se possibile identifica almeno 2-3 istituti bancari che potrebbero avere le carte in regola per il tuo mutuo prima casa

Regola n.4 – Prima di scegliere per il mutuo prima casa, parla di persona con le banche

Hai fatto una “short list” delle banche che più si avvicinano alle tue esigenze? Vai a parlare con loro, sincerati di avere i requisiti giusti per loro (reddito, importo richiesto, età, garanzie, ecc.). Informati sui tempi di erogazione del mutuo e su altri aspetti che spesso non trovi on line, come le modalità di estinzione parziale del mutuo, come funziona il periodo di preammortamento, ecc.

Regola n.5 – Prova a negoziare il tuo mutuo prima casa

negoziare il mutuo prima casaHai fatto la tua scelta? Perché non provare a negoziare con gli altri o con la stessa banca che hai scelto? Il contratto per un mutuo prima casa vale decine se non centinaia di migliaia di euro, prova a negoziare su alcuni punti che ti stanno a cuore (ad esempio un tasso di interesse più vantaggioso), dichiarando esplicitamente di avere altri istituti che ti fanno un’offerta migliore: per “prendere” il cliente il funzionario di banca potrebbe avere delle leve sui mutui prima casa che potrebbero farti risparmiare qualcosa.

Ricorda che il mutuo prima casa non è un contratto standard come quello del telefono o del gas, le banche possono a volte applicare condizioni più vantaggiose se il cliente è affidabile o solo perché in quel momento hanno una politica più aggressiva ed hanno come obiettivo quello di acquisire molti clienti sul mutuo prima casa. Vale la pena approfitarne.

Queste sono solo alcune delle regole da seguire, ma sono molto importanti. La scelta del mutuo prima casa è un passo molto importante, conviene dedicarci del tempo e una particolare attenzione: potrebbe avere un impatto significativo per le tue finanze negli anni successivi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*