Le obbligazioni subordinate

Le obbligazioni subordinate

La finanza e chi decide di riporre in essa le proprie risorse finanziarie, magari accumulate con anni di sacrifici o dopo anni di duro lavoro, ha nel corso degli ultimi anni assistito a clamorosi crolli o fallimenti che hanno mandato in bancarotta decine di famiglie e che ad alcuni sono costati anche la vita.

Obbligazioni subordinate
Scopriamo insieme le obbligazioni subordinate

Alcuni di questi fallimenti sono legati ad uno strumento finanziario troppo spesso poco conosciuto e per questo facile da utilizzare per chi vuole far fruttare denaro sulle spalle dei risparmiatori in buona fede: le obbligazioni subordinate. In questa recensione vogliamo focalizzare la nostra attenzione proprio sulle obbligazioni subordinate, andandone a vedere la caratteristiche affinché i nostri più affezionati lettori possano valutarne in maniera cosciente gli eventuali pro e contro.

Cosa sono le obbligazioni subordinate?

Le obbligazioni subordinate sono una speciale categoria di obbligazioni che in caso di insolvenza economica da parte di chi le emette nella scala gerarchica vengono dopo i titoli detenuti dai creditori di tipo ordinario (azioni ordinarie). Esse vengono immesse ed emesse in maniera diretta da parte delle società che trovano questa via decisamente più agevole rispetto alla collocazione in Borsa dei titoli azionari e obbligazionari. Le obbligazioni subordinate prevedono il pagamento di una cedola su base temporale ma non sempre hanno una scadenza predeterminata. In questo ultimo caso le obbligazioni subordinate prevedono la possibilità di esercitare anticipatamente il rimborso della somma investita a partire però da un determinato giorno deciso in sede di sottoscrizione. Nel gergo degli operatori finanziari le obbligazioni subordinate sono chiamate “junior” mentre quelle di tipo ordinario, decisamente più sicure e affidabili, sono definite “senior”. Ovviamente il maggiore rischio che le obbligazioni subordinate hanno in sé viene remunerato in sede di interessi, ma prima di farsi prendere dall’euforia di soldi rapidi e sicuri meglio valutare la cosa più importante secondo noi insita in questo strumento di debito da parte delle aziende: in caso di insolvenza ai detentori di obbligazione subordinate verrà ripagato il debito solo dopo i detentori di obbligazioni ordinarie. Questo avverrà non solo in caso di fallimento ma anche semplicemente per difficoltà operative che la società sta affrontando.

I broker online in CFD recensiti e consigliati da Mr Banca, per i vostri investimenti online

Markets.com

TRADING TOOLS +
CONTO PRATICA GRATUITO

Voto: 8.6/10
INFORMATIRICHIEDI
 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com8.6RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital7.8RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7.4RecensioneRichiedi
BDSwissBDSwiss7.3RecensioneRichiedi
LibertexLibertex7.3RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6RecensioneRichiedi

Dopo aver visto in termini generali cosa sono le obbligazioni subordinate, andiamo a vederne le tipologie e le caratteristiche. Partiamo subito dicendo che dopo i requisiti economici riportati in Basilea2 e Basilea3, le tipologie di obbligazioni subordinate sono diventate soltanto due (Tier 1 e Tier 2) mentre prima erano 4 (Tier 1, Upper Tier 2, Lower Tier 2, Tier 3). Noi vogliamo focalizzare la nostra attenzione sulla divisione precedente, visto che alcuni titoli con le denominazione precedente potrebbero essere ancora presenti nei risparmi bancari di qualcuno di voi lettori.

Obbligazioni subordinate
Le tipologie di obbligazioni subordinate

Obbligazioni subordinate – La tipologia “Tier 1”

Le obbligazioni subordinate di tipo Tier 1 sono quelle più rischiose per il risparmiatore e si ha un rischio totale sul capitale investito. In questo tipo di obbligazione subordinata la società può decidere di sospendere o addirittura annullare il pagamento di una cedola anche se molto spesso non hanno nessun tipo di scadenza e il rischio di vedere “decapitato” il proprio investimento è alto.

Obbligazioni subordinate – La tipologia “Upper Tier 2”

Questa tipologia di obbligazione subordinata è in scala quella più rischiosa dopo la Tier 1 anche se a differenza della prima una cedola più essere solo sospesa e non cancellata; essa verrà rimborsata al primo esercizio chiuso in attivo e questa caratteristica comporta il fatto che il rischio di perdere il capitale investito è più basso.

Obbligazioni subordinate – La tipologia “Lower Tier 2”

Questo tipo di obbligazione è quella più comune. Essa prevede cedole a scadenza e solo in casi gradi di indigenza da parte della società si può sospendere il pagamento di una cedola. Esse durano in genere 10 anni ed è previsto nella maggior parte dei casi la possibilità di un rimborso anticipato che in genere non avviene mai prima dei cinque anni.

Obbligazioni subordinate – La tipologia “Tier 3”

Sono le obbligazioni subordinate più “sicure” anche se sono poco usate visto che il rendimento offerto è davvero minimo, quindi gli esperti di finanza virano su altre scelte. La durata di queste obbligazioni in genere varia dai 2 ai 4 anni.

Le obbligazioni subordinate in “pillole”

Volendo riassumere in breve:

  • Le obbligazioni subordinate sono investimenti davvero molto nebulosi ed adatti ad operatori finanziari che ben conosco le dinamiche delle banche centrali e dei mercati;
  • Il rischio di capitale investito è davvero enorme perché in caso di difficoltà si è in coda per quella che è la soddisfazione creditizia;
  • L’assenza di una scadenza predeterminata fa diventare di difficile chiarezza la valutazione dell’investimento fatto;
  • C’è una grossa difficoltà nel rendere “liquido” l’investimento visto che sono difficili da piazzare sia in caso di acquisto che in caso di vendita;
  • E’ molto difficile diversificare in proprio portafoglio acquistando questi titoli visto che il rischio non è legato al settore economico a cui appartengono ma è un rischio insito nell’obbligazione subordinata stessa.
Obbligazioni subordinate
Le obbligazioni subordinate

Speriamo che questa nostra breve guida possa esservi stata utile per comprendere se le obbligazioni subordinate possano essere l’investimento giusto per voi.

Leggi anche: Qual è il miglior sito di trading online?

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*