Le tre regole base per il trading sul Forex

Tre è il numero (di regole) perfetto...

Forex Trading

Quali sono le regole base da seguire per avere successo nel trading sul mercato Forex?

ScalpingA questa domanda si potrebbe rispondere in tanti modi, ad esempio potremmo citare principi e strumenti anche molto sofisticati di analisi tecnica o fondamentale.

Ma senza dover necessariamente ricorrere a concetti complicati, ci sono alcune regole generali che è saggio tenere presente.

 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com9/10RecensioneRichiedi
Plus500Plus5008.7/10RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital8.5/10RecensioneRichiedi
24option24option8/10RecensioneRichiedi
AvtradeAvatrade7.5/10RecensioneRichiedi
eToroeToro7.3/10RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7/10RecensioneRichiedi
UFXUFX6.5/10RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6/10RecensioneRichiedi

Le tre regole base per il trading sul Forex…

Innanzitutto dobbiamo considerare che il mercato Forex è molto particolare. Spesso ha caratteristiche di elevata volatilità ed andamenti che possono risultare ciclici. Inoltre è possibile operare praticamente in ogni momento della giornata, non essendo soggetto all’apertura quotidiana di una sola borsa di riferimento, come accade invece per i titoli dei mercati azionari.

Bisogna inoltre stabilire l’obiettivo: in questo contesto faremo riferimento ad una attività di trading nel breve periodo, con posizioni che dovrebbero esaurirsi nell’arco di poche ore fina ad un massimo di qualche giorno. Nulla a che vedere quindi con un investimento a lungo termine in valuta.

Leggi anche: 4 semplici trucchi per aumentare i profitti nel FOREX Trading

Fatte queste premesse, passiamo quindi a descrivere le tre regole base per operare con successo in questo mercato e con gli obiettivi esposti sopra.

1 – La scelta sull’apertura della posizione

Media mobileImmaginiamo di voler aprire una posizione (buy o sell) su una coppia di valute, senza porci il problema di quali possano essere i fattori che, nel medio/lungo temine, dovrebbero influenzare l’andamento del prezzo. In linea teorica la nostra probabilità di “azzeccare” il trend giusto sarebbe del 50%. Se quindi aprissimo molte posizioni senza un criterio preciso, alla fine della giornata avremmo le stesse probabilità di successo o insuccesso su ognuna delle posizioni, con un saldo finale, in teoria, in equilibrio, senza alcun guadagno o perdita. In realtà non sarebbe del tutto così, tenendo conto delle commissioni che, anche se basse, eroderanno una parte del capitale.

Saper investire...Per aumentare la probabilità di successo, e passare dal 50% ad un valore più alto, stimabile attorno al 60%, una prima regola semplice è quella di seguire il trend in atto. Questo primo semplice accorgimento, in mancanza di analisi più sofisticate, può darci un aiuto per incrementare le nostre probabilità di successo.

2 – Un volume alto di operazioni

Consigli trading, il profiloLa statistica funziona in genere su un numero elevato di eventi. Quindi i ragionamenti che stiamo facendo sono validi se apriamo un numero cospicuo di posizioni, e non su una singola operazione. Pertanto sarebbe meglio impostare la propria strategia su una serie di operazioni di piccolo importo, piuttosto che puntare tutto su un solo “cavallo”.

3 – Attenzione alle correlazioni

Mercato Forex delle coppie di valute: euro e dollaroÈ da tenere presente che le diverse coppie possono avere una delle due valute coincidenti. Se ad esempio aprissimo due posizioni su coppie di valute contenenti il dollaro, EUR/USD e NZD/USD, un eventuale momento di debolezza della valuta avrebbe un impatto su entrambe le posizioni. Dovremmo quindi minimizzare queste correlazioni o in ogni caso tenerne conto nelle nostre valutazioni di tipo “statistico”.

Leggi anche: Le coppie di valute

A questo punto abbiamo tre regole base che ci consentono di sfruttare le caratteristiche tipiche del mercato forex, la volatilità e la ciclicità: alcune posizioni aperte andranno in negativo, altre in positivo, ma ci sono comunque delle buone probabilità che un’operazione in perdita nel tempo ritorni ad essere in attivo (ma è anche vero il viceversa). Bisogna quindi saper chiudere al momento giusto una posizione in attivo, e può quindi essere di aiuto l’inserimento di opportuni take profit.

Tutto semplice? Non proprio…

In teoria, seguendo questo ragionamento, bisognerebbe essere attendisti sulle posizioni in negativo, aspettando la risalita. Ma quanto siamo disposti a veder scendere il nostro conto? Non si tratta comunque di una regola scientifica, e potremmo quindi ritrovarci con delle posizioni con delle perdite molto elevate. Ma è anche vero che se mettessimo uno stop loss molto vicino rischieremmo di non poter sfruttare la ciclicità del mercato e di ritrovarci quindi con molte posizioni chiuse in passivo. Trovare il giusto equilibrio può essere impresa non semplice.

Infine un’altra considerazione…

Se oltre a tutto quello che abbiamo detto riuscissimo anche ad individuare in modo più accurato il momento giusto in cui aprire una posizione, e in quale direzione, con quale resistenza o presa di beneficio, ad esempio con un’analisi tecnica ben fatta e con la conoscenza dei fattori che possono influenzare l’andamento del titolo, le nostre probabilità di successo aumenterebbero ulteriormente, superando i valori descritti in precedenza.

Leggi anche: Guida rapida: come fare trading FOREX su Markets.com

1 commento

  1. Il trading è utilizzato per fare speculazione finanziaria, una pratica per fare denaro con il denaro in un’attività improduttiva di beni o servizi che provoca attaccamento al denaro, un comportamento assolutamente da evitare con riferimento ai principi morali religiosi. Non deve essere spiegato o incentivato in alcun modo.

I commenti sono bloccati.