L’indice Nikkei

Il Nikkei giapponese
Il Nikkei giapponese

I termini relativi alla Borsa e all’economia sono entrati negli ultimi decenni sempre di più nell’immaginario collettivo e nel lessico della gente comune, anche quella meno ferrata in ambito economico e finanziario. Durante i telegiornali, in cui c’è sempre un sezione dedicata agli andamenti economici delle Borse mondiali, sentiamo nomi che ormai colleghiamo ed identifichiamo con una determinata zona geografica. Sentendo il giornalista nominare il Dow Jones sappiamo che ci riferiamo all’economia statunitense, se sentiamo nominare il FTSE MIB ci stiamo riferendo ad un indice dell’economia italiana e se dobbiamo riferirci al Giappone sappiamo che è l’indice NIKKEI quello di riferimento.

L'indice giapponese, il Nikkei
L’indice giapponese, il Nikkei

In questa recensione vogliamo vedere cos’è l’indice NIKKEI, come viene calcolato, un po’ della sua storia ed in che modo si può guadagnare con questo indice azionario.

Nikkei, l’indice del sol levante

L’indice NIKKEI 225 è l’indice azionario della Borsa di Tokyo ed è calcolato dal quotidiano economico Nihon Keizai Shimbun. La sua introduzione dell’economia mondiale ci fu nel 1950 e da allora è l’indice azionario più rappresentativo dell’economia giapponese. Dal punto di vista del calcolo dell’indice azionario, l’indice NIKKEI è molto simile rispetto all’indice Dow Jones, visto che come il suo cugino americano è calcolato ponderato sul prezzo. Vale a dire che l’indice NIKKEI viene calcolato dando un maggiore peso specifico a quelle società che hanno un prezzo per azione più alto.

L’indice NIKKEI considera l’andamento economico di 225 società operanti nell’economia giapponese, provenienti da svariati settori economici e finanziari. Proprio per questo motivo l’indice NIKKEI è esplicativo dell’andamento dell’economia giapponese ed è anche una cartina tornasole della fiducia che aleggia sull’economia tra le più importanti d’Oriente.

L'indice giapponese, il Nikkei
L’indice giapponese, il Nikkei

Nikkei, una storia di quasi 60 anni fa

Facciamo adesso qualche cenno storico sull’indice NIKKEI. Come detto vide la luce nel  settembre del 1950 e  l’indice NIKKEI viene ricalcolato ogni 15 secondi. Esso fu introdotto nel 1986 al Singapore Exchange, nel 1988 all’Osaka Securities Exchange e nel 1990 al Chicago Mercantile Exchange. Naturalmente questo indice ha seguito l’andamento dell’economia giapponese con picchi elevatissimi a fine anni 80 e soffrendo la crisi dell’economia che ci fu dopo il 2006. L’altro indice più importante della Borsa di Tokyo è il Tokyo Stock Price Index (TOPIX).

Libertex

20 ANNI DI ESPERIENZA
2,2 MILIONI DI CLIENTI

Voto: 7.3/10
INFORMATIRICHIEDI

Come funziona l’indice NIKKEI?

Il NIKKEI è calcolato su 225 società ed è un indice ponderato in base ai prezzi delle società che ne fanno parte; una società con un valore per azione più alto avrà un maggiore peso specifico rispetto ad una azienda con un valore per azione più basso. Ovviamente la moneta di riferimento per questo indice è lo Yen. I titoli inseriti in questo indice vengono aggiornati a settembre ed entrano a far parte delle quotazioni a partire da ottobre.

L'indice giapponese, il Nikkei
L’indice giapponese, il Nikkei

Andiamo adesso a fare un breve excursus di quelle che sono le società che compongono l’indice NIKKEI, citando anche i settori economici di cui fanno parte, per capire anche la vastità di settori economici che abbracciano. Per il settore alimentazione le società con maggiore incidenza sono la Japan Tobacco e la Nichirei Corporation, per il settore tessile la Toray Industries, per il settore cartaceo la Nippon Paper Group, per il settore chimico due colossi come la Fujifilm Holdings Corp e la Nitto Denko, la farmaceutica Daiichi Sankyo, la petrolifera JXTG Holdings, per il settore motori Yamaha, Suzuki ed Honda, per il materiale elettrico Canon e Tokyo electric, la Mizuho Financial Group per il settore bancario, la Dai-ichi Life Insurance Company per il settore assicurativo, la Central Japan Railway Company per il settore ferroviario, la Kansai Electric Power per il settore dell’energia elettrica. La società con maggiore incidenza nell’indice NIKKEI è la Fast Retailing.

Dopo aver capito come funziona l’indice NIKKEI, come viene calcolato e quali aziende ne fanno parte, proviamo a vedere qualche caratteristica peculiare necessaria per capire come e se è possibile trarre profitti dalle contrattazioni che scaturiscono da questo indice.

L’indice NIKKEI è conosciuto come uno degli indici più volatili del mercato internazionale ed è soggetto molto spesso a bruschi movimenti al rialzo o al ribasso all’interno della stessa giornata. Questa caratteristica lo rende un prodotto d’investimento più adatto a trader esperti con una notevole esperienza.

L’economia giapponese si basa in gran parte sulle esportazioni verso gli Stati Uniti, quindi le due economie sono unite da uno stretto legame; quindi se si volesse fare trading sull’indice NIKKEI occorre dare sempre un’occhiata all’andamento del mercato statunitense.

L'indice giapponese, il Nikkei
L’indice giapponese, il Nikkei

Proprio in virtù di questo ultimo punto, è buona regola sfruttare l’apertura anticipata che ha l’indice NIKKEI rispetto all’indice Dow Jones, questo per ovvie ragioni di fuso orario. Se il Dow Jones il giorno precedente ha chiuso in rialzo conviene acquistare mentre se ha chiuso in ribasso conviene vendere. Ovviamente bisogna tener conto anche di altri valori macroeconomici e microeconomici che sono standard come valori di riferimento per tutte le economiche come i tassi di interesse applicati dalle banche, il tasso di disoccupazione oppure la politica economica condotta dal governo in carica.

Investi nell’indice Nikkei con Libertex

Sfrutta la volatilità offerta dall’indice giapponese per eccellenza: il NIKKEI. Cogli al volo l’occasione di investimento scegliendo uno dei broker consigliati da MrBanca che permette di investire in modo semplice e sicuro nel mercato degli indici di Borsa e, in particolare, nel NIKKEI: Libertex.

Leggi anche: Come investire sul Bitcoin con Libertex

Libertex

20 ANNI DI ESPERIENZA
2,2 MILIONI DI CLIENTI

Voto: 7.3/10
INFORMATIRICHIEDI

Gli altri broker consigliati da MrBanca per i vostri investimenti online:

 BrokerVotoLeggiVai
Markets.comMarkets.com8.6RecensioneRichiedi
ETX CapitalETX Capital7.8RecensioneRichiedi
Trade.comTrade.com7.4RecensioneRichiedi
BDSwissBDSwiss7.3RecensioneRichiedi
LibertexLibertex7.3RecensioneRichiedi
iTrader.comiTrader.com6RecensioneRichiedi

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*