Cosa sono le Opzioni

Abbiamo già chiarito in apertura della nostra guida alle opzioni binarie che le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non l’obbligo, di acquistare una data quantità di una attività finanziaria sottostante ad un determinato prezzo di esercizio chiamato “STRIKE”.

L’operazione di strike può essere esercitata:

  • a) solo alla scadenza – opzioni “europee”;
  • b) in qualunque momento entro la data di scadenza – opzioni “americane”;

Le opzioni si dividono nei seguenti due tipi.

Opzione CALL

Con questo tipo di opzione il possessore ha la garanzia di ricevere a scadenza (o entro la scadenza) e ad un prezzo prefissato una data quantità di una attività finanziaria sottostante (titoli, indici, valute etc…), oppure quando non possibile (ad esempio per opzioni su indici) il corrispettivo in denaro.

Grafico opzione call, opzioni binarieIn figura è rappresentato il concetto di opzione Call legato al profilo di profitto e perdita.

L’asse x indica il prezzo del sottostante;
L’asse y indica invece i profitti (o le perdite) dell’acquirente dell’opzione.

Profitto: quando il prezzo del sottostante è superiore allo strike; il profitto realizzato sarà pari alla differenza tra il prezzo di mercato e lo strike.

Perdita: quando il prezzo del sottostante è inferiore allo strike.

E’ evidente che l’opzione avrà valore solo se il prezzo di mercato del sottostante sarà maggiore del prezzo di esercizio.

Ricordate che l’acquisto della call ha sempre un costo che equivale al premio che ci concede chi formula l’opzione (chi cioè ci garantisce il diritto di acquistare al prezzo prefissato quel dato sottostante).

Se i prezzi vanno in ribasso, il valore della call tende a zero e la massima perdita che l’investitore sosterrà sarà il premio pagato.

PRO delle Opzioni CALL

Questo è il tipo di opzione che Mr Banca consiglia se vuoi scommettere sul rialzo del mercato senza subire perdite, in caso di ribasso, connesse con il possesso diretto del sottostante.

Mr Banca consiglia le opzioni call anche a chi vuole acquistare il sottostante, ma senza essere vincolato ai tempi delle uscite finanziarie dell’acquisto diretto del titolo.

Opzione PUT

Con questo tipo di opzione il possessore ha la garanzia di vendere a scadenza ad un prezzo prefissato il sottostante.

Grafico opzione PUT, opzioni binarieIn figura è rappresentato il concetto di opzione PUT legato al profilo di profitto e perdita.

L’asse x indica il prezzo del sottostante;
L’asse y indica invece i profitti (o le perdite) dell’acquirente dell’opzione.

Profitto: quando il prezzo del sottostante è inferiore allo strike; il profitto realizzato ammonterà alla differenza tra lo strike e il prezzo di mercato.

Perdita: quando il prezzo del sottostante è superiore allo strike.

In questo caso l’opzione ha senso solo se il prezzo di mercato del sottostante sarà inferiore del prezzo di esercizio.

PRO delle Opzioni PUT

Questo è il tipo di opzione che Mr Banca consiglia se vuoi scommettere sul ribasso del mercato senza i costi connessi con lo “short selling”, né le perdite subite se il mercato va in direzione opposta a quella sperata.

Inoltre, se si è scelto di generare guadagni su un titolo in caso di mercato in salita, la Opzione Put consente al contempo di evitare perdite se il mercato scende. L’acquirente ha infatti sempre il diritto di vendere il suo titolo al valore dello strike, che limita la massima perdita della opzione (questa è la cosiddetta “put protective strategy”).

Infatti quando i mercati sono in ribasso, la “put protective strategy” è una sorta di assicurazione (equivalente al costo con cui si acquista la Put) che si adotta per evitare che il portafoglio scenda sotto una soglia minima.

In senso complementare, si ottiene lo stesso profilo di ritorno con un’opzione di CALL con sottostante, strike e scadenza uguali.

Utilizzando le due opzioni call e put sul lungo termine si può mantenere la posizione sul rialzo o sul ribasso del mercato: da una parte possiamo mirare ad un guadagno illimitato, dall’altra abbiamo il rischio di una perdita limitata solo al prezzo del premio pagato.

Chiarite le posizioni dell’acquirente, vediamo quali sono le posizioni riguardo le stesse opzioni da parte del venditore.

Rispetto all’acquirente, che ha facoltà di decidere se o meno esercitare il diritto sulle opzioni, il venditore deve sempre rispettare l’impegno previsto nella composizione della stessa.

È evidente che i profili di profitto/perdita del venditore sono complementari a quelle dell’acquirente:

Opzioni CALL
  • Il profitto del venditore (pari al premio incassato) diminuisce se aumenta il prezzo del sottostante.
  • Il venditore fa profitto se il mercato resta fermo o scenderà.
  • Il venditore può avere un profitto immediato limitato, ma una perdita potenzialmente illimitata.
Opzioni PUT
  • Il premio iniziale del Venditore scende se il prezzo del sottostante scende.
  • Il venditore fa profitto se il mercato resta costante o salirà.
  • Il venditore può avere un profitto immediato limitato, ma una perdita quasi illimitata (il sottostante non può essere negativo e quindi la massima perdita sarà in coincidenza di quando varrà zero).

Adesso non ci resta che analizzare anche altri tipi di Opzioni!

Prosegui la lettura e Mr Banca ti aiuterà nelle prossime sezioni a comprendere meglio come è composto il prezzo delle opzioni e quali sono anche tutti gli altri tipi di opzioni,  partendo dalle Opzioni Esotiche.