Indici equally weighted (Indice ad uguale ponderazione)

Gli indici di tipo equally weighted, come dice la parola stessa, attribuiscono ad ogni azione lo stesso peso a prescindere dalla sua capitalizzazione di mercato o dimensione economica (vendite, net revenue etc..).

Con la variazione continua dei titoli all’interno dell’indice si ha la necessità di ri-bilanciare costantemente il portafoglio in modo da mantenere invariate le posizione delle azioni.

Facciamo un esempio molto semplice:

  Capitalizzazione
di mercato
  Totale
guadagni
Azienda A = 40 M€   1 M€
Azienda B = 30 M€   3 M€
Azienda C= 20 M€   2 M€
Azienda D = 10 M€   2 M€
Totale 100 M€ Totale 8 M€

 

Azienda A = 25% del peso nell’indice
Azienda B = 25% del peso nell’indice
Azienda C = 25% del peso nell’indice
Azienda D = 25% del peso nell’indice

 

Cap, Floor, CollarLe tabelle sopra riportate mostrano quanto accade per l’attribuzione di pesi. Tutte le società, come già indicato, vengono pesate in modo equo senza tener conto di alcun ulteriore paramento. Quello che viene fatta è una vera è propria media aritmetica così che ogni titolo inciderà sul valore dell’indice nella stessa misura di tutte le altre società.

Il Dow Jones Industrial Average (DJIA) è uno dei più antichi, più noti e più utilizzato indice in tutto il mondo. Esso include le azioni delle 30 più grandi e più influenti aziende negli Stati Uniti. Il DJIA è noto come un price weighted index “indice ponderato su base prezzo”. E’ stato originariamente calcolato sommando il prezzo per azione degli stock di ciascuna società presente nell’indice e dividendo questa somma per il numero di aziende, motivo per il quale nell’acronimo compare il termine Average (media). Purtroppo, non è più così semplice da calcolare. Nel corso degli anni, frazionamenti azionari, spin-off e altri eventi hanno portato a cambiamenti nel divisore, oggi risulta infatti essere un numero molto piccolo (inferiore a 0,2).

E’ inoltre chiaro che tale “metodo” di attribuzione dei pesi non può in alcun modo rispecchiare con accuratezza l’andamento di un paniere di titoli. Immaginiamo di avere incluse in tale paniere due colossi come Apple e Samsung, per quanto detto, pur essendo altamente capitalizzate, si vedranno attribuite ai loro titoli lo stesso peso di aziende molto più piccole.

La crescita delle sole piccole aziende, paradossalmente, farebbe quindi muovere l’indice verso l’alto al pari delle aziende a più elevata capitalizzazione.